Cristian Imparato confessa di avere il Morbo di Crohn

La diagnosi è arrivata nel 2015 e ora il ragazzo deve imparare a conviverci

Home > Spettacolo > Cristian Imparato confessa di avere il Morbo di Crohn

Uno degli inquilini più discussi di questa edizione del Grande Fratello, Cristian Imparato, confessa di avere una brutta malattia. La malattia lo ha costretto a cambiare il suo stile di vita, è lui stesso a voler raccontare i dettagli della malattia, finora sempre tenuta segreta. Ha taciuto per settimane ma ora è pronto per raccontare i dettagli.

La diagnosi è arrivata nel 2015 e da lì Cristian ha dovuto cambiare stile di vita: “Ho il Morbo di Crohn, sono stato molto male.” ha confessato ai suoi coinquilini ai quali qualche giorno fa aveva già accennato qualcosa. La malattia ha fatto perdere a Cristian 20kg.

imparato-gf

“La mia malattia ha alti e bassi. Purtroppo devo accettare la cosa, perché sono stanco di soffrire. L’ho scoperta nel 2015. Mi avrebbero dovuto asportare una parte dell’intestino. Ma poi nel gennaio del 2016 è uscito un farmaco biologico che mi ha fatto stare bene.”

cristian-morbo-crohn

Il farmaco non è risolutivo, ma ha evitato al ragazzo un’operazione chirurgica e lo ha aiutato a stare meglio e convivere con la malattia.

“Mi chiamavano il miracolo in ospedale: volevano togliermi tutto l’intestino e farmi camminare con il sacchetto. Ora la situazione non è delle migliori, ma devo imparare ad accettarmi e smettermi di piangermi addosso.”

cristian-grande-fratello

Cristian ha scoperto il tutto dopo un forte dimagrimento, dolori addominali, diarrea, e nausea. Aveva perso 20 chili nell’arco di pochissimi mesi. Il Morbo di Crohn è una malattia infiammatoria cronica dell’intestino.

cristian-imparato-confessa-ho-il-morbo-di-crohn

È una malattia debilitante e tra i sintomi ci sono: perdita di peso, diarrea cronica, febbre e forti dolori addominali. La diagnosi spesso arriva troppo tardi perché i sintomi sono spesso associati ad un virus passeggero o ad altre patologie infiammatorie. Il Morbo non ha ancora una cura definitiva ma i farmaci aiutano i pazienti a stare meglio.