Mina, Tognazzi e… una Cremona inedita!!

Lo spazio Bel Vedere propone una mostra fotografica con immagini inedite della città di Cremona: Mina e Tognazzi compresi!

Mina Mazzini detta la “tigre di Cremona”, Circo Togni, Cremona 1959
Mina Mazzini detta la “tigre di Cremona”, Circo Togni, Cremona 1959

Questa sera lo spazio espositivo Bel Vedere di Milano inaugura la mostra L’Archivio fotografico Faliva: Cremona, dal dopoguerra agli anni settanta.
Si tratta di una quarantina di immagini in bianco e nero realizzate da Angelo Faliva e dai figli Roberto e Giuseppe, che raccontano un pezzo della storia di Cremona, dal Dopoguerra agli anni Settanta.
Mi è sembrata interessante segnalartela nonostante la fotografia non sia esattamente di mia competenza, perchè la mostra ha un valore culturale importante.

Ugo Tognazzi allo stadio Zini, Cremona 1983
Ugo Tognazzi allo stadio Zini, Cremona 1983

Inoltre si ritrovano delle immagini inedite di due grandi personaggi del mondo dello spettacolo italiano come una giovanissima Mina, ritratta con il tigrotto che ha contribuito a legare alla grande cantante il celebre soprannome di Tigre di Cremona, e uno dei più amati e simpatici attori italiani di tutti i tempi, Ugo Tognazzi.

Le altre testimonianze in mostra…

Gino Bartali e Fausto Coppi, Cremona, 1953
Gino Bartali e Fausto Coppi, Cremona, 1953

Ci sono poi le mitiche auto della Mille Miglia, nonchè gli “indimenticati” campioni Coppi e Bartali accanto a una selezione di immagini che ci mostrano una città diversa, da quella tranquilla e serena che è oggi, alle prese con manifestazioni e contestazioni, bambini in posa davanti all’obiettivo, oltre ai volti di chi lavora e suda ogni giorno o che si distrae sulle rive del Po.

Biciclette in riva al Po, Cremona 1961
Biciclette in riva al Po, Cremona 1961

La mostra, che viaggia a braccetto con la storia della famiglia Faliva da sempre legata al mondo della fotografia, è stata ideata e voluta da uno dei nipoti di Angelo, Alberto per ricordare l’adorato nonno, ed è in realtà l’attenta e curiosa testimonianza di chi con la sua Rolleiflex (mitica) ha narrato uno spaccato di vita quotidiana a Cremona, città dalle mille sfaccettature, ma mai banale e ieri come oggi, piena di tradizione, di cultura, di sport, di interessi e soprattutto di fascino.

Manifestazione studentesca vicino al Provveditorato agli Studi, Cremona 1969
Manifestazione studentesca vicino al Provveditorato agli Studi, Cremona 1969

Info utili sulla mostra:

Inaugurazione giovedì 17 maggio 2012, ore 18-21
Bel Vedere fotografia – Milano, via Santa Maria Valle 5
Tel 02.6590879
La mostra è aperta dal 18 maggio al 1 giugno 2012
da martedì a sabato, ore 15-19, ingresso libero

Bambini al Bosco ex Parmigiano, Cremona 1962
Bambini al Bosco ex Parmigiano, Cremona 1962

Lacrime e dolore al funerale del grande artista: la bara accompagnata dalla sua musica e dai palloncini bianchi

Lacrime e dolore al funerale del grande artista: la bara accompagnata dalla sua musica e dai palloncini bianchi

Fedez rompe il silenzio e svela perché ha pianto dopo l'esibizione sul palco dell'Ariston con Francesca Michielin

Fedez rompe il silenzio e svela perché ha pianto dopo l'esibizione sul palco dell'Ariston con Francesca Michielin

Chi sono Angelica Fiorello e Olivia Testa? Conosciamo meglio le figlie di Fiorello e Susanna Biondo

Chi sono Angelica Fiorello e Olivia Testa? Conosciamo meglio le figlie di Fiorello e Susanna Biondo

Sanremo 2021, Amadeus costretto ad interrompere l’esibizione manda la pubblicità. Cos’è accaduto

Sanremo 2021, Amadeus costretto ad interrompere l’esibizione manda la pubblicità. Cos’è accaduto

Andrea Zenga svela cosa pensa del rapporto tra Rosalinda e Dayane

Andrea Zenga svela cosa pensa del rapporto tra Rosalinda e Dayane

Federica Panicucci, incidente in diretta a Mattino 5: "Puoi condurre tu?"

Federica Panicucci, incidente in diretta a Mattino 5: "Puoi condurre tu?"

GF Vip, Francesco Oppini fa uno splendido regalo a Tommaso Zorzi: "Il minimo che potesse fare"

GF Vip, Francesco Oppini fa uno splendido regalo a Tommaso Zorzi: "Il minimo che potesse fare"