Dj Francesco e il tweet sui gay: la polemica durante il Festival di Sanremo

Tanti i commenti degli utenti, a cominciare da Alessandro Gassmann

 

All’indomani della prima serata del Festival di Sanremo 2016, è polemica su Twitter per un post che sarebbe stato pubblicato  – e poi rimosso – dal profilo di Francesco Facchinetti. A scatenare gli utenti è infatti un tweet lanciato durante il festival e dedicato alle tante dimostrazioni in difesa dei diritti di omosessuali e coppie di fatto sul palco. Dj Francesco avrebbe scritto, al termine dell’esibizione di Noemi, che al microfono ha legato una simbolica sciarpa arcobaleno:

Unica cosa che mi irrita è questo ostentare il sostenere i diritti delle coppie GAY. Non ho nulla contro la cosa ma sembra veramente forzato.

 

facchinetti_sanremo_tweetgay
Tweet di Facchinetti rimosso

Tanti i commenti di risposta,  a cominciare da quello di Alessandro Gassmann:

Non si tratta di ostentare, ma di riconoscere, con i doveri, anche i diritti di TUTTI. Irritato?

Il tweet  è poi misteriosamente scomparso nel corso della serata e con lui il lungo strascico di complimenti e insulti. Tutto sembra essere tornato alla normalità, fino a quando, questa mattina, Facchinetti  fa uno screenshot del  post “incriminato” che inizia così a girare sulla rete.

L’ex dj decide allora di correre ai ripari denunciando il furto del suo profilo e, allegando una foto tratta da uno spot girato per il Gay Village nel 2012, scrive:

Svegliarsi la mattina e scoprire che ce l’hanno con te per un tweet che non hai mai scritto. Indagherò.

facchinetti_twitter
il tweet di risposta

Una giustificazione che però non è piaciuta agli utenti, che lo accusano di ipocrisia e di aver scritto quel tweet e poi averci ripensato. Ma Facchinetti replica:

Il tweet è stato scritto dal mio account, peccato che non l’abbia scritto ne io ne le persone che lavorano con me. Amen, succede anche questo. Non ho paura di quello che penso e non ho mai cancellato un tweet. Sull’argomento ho detto quello che pensavo in due live su fb.

Fonte: adnkronos.com