Emma Marrone sta male dopo i concerti

Cantare di fronte a migliaia di persone non è semplice e lo sa bene Emma Marrone che dopo i concerti presenta sempre un crollo fisico

Home > Spettacolo > Emma Marrone sta male dopo i concerti

Emma Marrone, la nota cantante salentina divenuta famosa grazie al talent show “Amici” di Maria De Filippi qualche tempo fa ha fatto una confessione davvero triste che fa aprire gli occhi su tutto ciò che concerne il mondo dello spettacolo e il peso delle performance che gli artisti devono sostenere per soddisfare il grande pubblico.

Emma ha pubblicato sui social, Instagram, una foto davvero triste. La ritrae appoggiata al muro, seduta a terra e visibilmente provata. Lei stessa scrive “In realtà finisce sempre così..Io che mi sento male.. Adesso lo sapete, io non ho segreti con voi”.

emma-marrone

La foto risale alla fine del concerto tenutesi a Bari qualche giorno fa. La foto ha fatto seriamente preoccupare i fan a tal punto che la cantante stessa ha rassicurato tutti tramite altre storie su Instagram. “Ragazzi, la mia ultima storia doveva solo farvi ridere perché era per farvi capire che sul palco faccio la figa, poi mi crollano tutte le ansie, le tensioni, vado in bagno e piango, mi sento male, tipo che mi viene da vomitare, tutte queste cose da vecchia”

Emma-sta-male

È più che comprensibile che una giovane ragazza possa sentirsi male dopo una performance di così alto livello. L’episodio dovrebbe farci riflettere e farci aprire gli occhi su cosa si nasconde dietro ai sorrisi dei VIP. Se anche può sembrare il mestiere più bello del mondo quello del cantante nasconde dietro di sé brutte sorprese.

marrone-emma

Emma ha semplicemente scaricato la tensione e l’adrenalina accumulata su quel palco e non sarebbe neanche la prima volta a sua detta. Non è nulla di grave in questo caso ma il mondo della musica è noto per triste vicende legate proprio ad un fattore di stress e di ansia.

Auguriamo ad Emma di superare sempre brillantemente questi momenti di crisi, un grosso in bocca al lupo Emma!