Fellini degli spiriti, il documentario al cinema per Fellini 100

Fellini degli spiriti è il documentario dedicato al grande regista Federico Fellini, che arriva al cinema in occasione delle celebrazioni di Fellini 100

Home > Spettacolo > Fellini degli spiriti, il documentario al cinema per Fellini 100

Fellini degli spiriti è il documentario che arriverà al cinema per raccontare il genio di Federico Fellini, in occasione del centenario della sua nascita. Il 20 gennaio 1920 nasceva a Rimini Federico Fellini. E noi vogliamo ricordarlo con la sua arte.

Fellini degli spiriti è il documentario distribuito da Nexo Digital, realizzato da Anselma Dell’Olio, prodotto da Mad Entertainment con Rai Cinema in coproduzione con Walking the Dog. Ci racconta l’esistenza di Federico Fellini, la sua passione per il cinema, per il raccontare quel mondo non visto, altre dimensioni oniriche, i viaggi e tutto quello che può far volare spirito e mente.

Tutta la sua cinematografia e la sua vita rivivono in questo documentario che ne racconta il grande talento a raccontare e a rappresentare mille voci, anche attraverso materiali d’archivio messi a disposizione da Rai Teche e Istituto Luce e materiali d’archivio internazionali. Non mancano ovviamente immagini dei film, interviste, per un ritratto decisamente inedito.

Per la data di uscita non si ha ancora un annuncio ufficiale, ma potrebbe arrivare nelle sale cinematografiche tra pochissimi mesi. Protagonisti anche dei stretti collaboratori, chi ha conosciuto da vicino il regista visionario, per un’analisi dettagliata del personaggio e del suo ruolo nella formazione della cultura moderna.

L’opera è realizzata con il sostegno del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Direzione Generale Cinema, con sostegno della Regione Lazio Avviso pubblico Attrazione produzioni cinematografiche (POR FESR LAZIO 2014-2020) Progetto Cofinanziato dall’Unione Europea, con il contributo della Regione Campania e la collaborazione di FCRC. Ed è stata realizzata in collaborazione con la Regione Emilia Romagna, il Comune di Rimini e la Fondazione Cineteca di Bologna.