Frida Kahlo, il docu film “Frida. Viva la vida”

Frida Kahlo sarà raccontata in un docu film presentato a torino dal titolo "Frida. Viva la vida"

Home > Spettacolo > Frida Kahlo, il docu film “Frida. Viva la vida”

Pensate di conoscere tutto di Frida Kahlo? Il nuovo docu film dedicato alla grande artista vi farà ricredere. Perché sono molti i lati di Frida che hanno bisogno di essere approfonditi per affermare di conoscerla bene. E “Frida. Viva la vida” prova ad accompagnarci per mano nelle mille sfaccettature dell’artista.

 

Alla 37esima edizione del Torino Film Festival, nella sezione Festa Mobile, il docu film “Frida. Viva la Vida” di Giovanni Troilo viene presentato prima che possa arrivare nelle sale in esclusiva nei giorni del 25, 26 e 27 novembre 2019. Per entrare nel mondo di Frida dalla porta di ingresso, conoscendo tutto di lei.

L’artista messicana nata nel 1907 è stata davvero un’icona dei suoi tempi e ancora oggi è fonte di ispirazione per molti. Il docu film, che ès tato prodotto da Ballandi Arts e Nexo digital in collaborazione con Sky Arte e con la partecipazione straordinaria di Asia Argento, ci accompagna a vivere la vita di Frida Kahlo.

Andremo a conoscere le opere della grande artista messicana, che sarà raccontata anche con fotografie, oggetti personali, vestiti che sono appartenuti a Frida Kahlo. Ma conosceremo anche la sua vita davvero unica: Frida si è ammalata di poliomielite a 6 anni, mentre a 18 un incidente stradale l’ha lasciata invalida. 32 le operazioni a cui si è sottoposta in una vita fatta di dolore. Fisico e interiore.

Con la colonna sonora originale di Remo Anzovino, lo spettatore sarà accompagnato nella vita della grande artista, per conoscere tutti i suoi volti, le sue sfaccettature, la sua storia d’amore con Diego Rivera, sposato due volte, e tutti gli incontri storici fatti nel corso della sua vita.

Il documentario sarà anche l’occasione per poter vedere per la prima volta fotografie e altri oggetti personali che attualmente sono conservati negli archivi del Museo Frida Kahlo e che non sempre sono accessibili al pubblico.