Funerali di Nadia Toffa: due persone colte da malore

Si stanno svolgendo proprio ora i funerali di Nadia Toffa: durante la funzione due persone sono state colte da malore

Home > Spettacolo > Funerali di Nadia Toffa: due persone colte da malore

Sono molte le persone riunite al Duomo di Brescia in questi minuti per dare l’ultimo saluto a la conduttrice de Le Iene, Nadia Toffa. La folla, presente già dalle prime ore del mattino, ha accolto l’arrivo del feretro con un lungo e scandito applauso

Durante la funzione però due donne hanno accusato dei malori e sono svenute, tempestivi gli interventi del personale del 118. La prima, una ragazzina, svenuta a causa di un calo di pressione

barella nadia toffa

Nel secondo caso a perdere l’equilibrio è stata una donna più adulta caduta anch’essa per uno sbalzo di pressione. Quest’ultima è stata portata via in barella

nadia-toffa-funerale

David Parenti nel frattempo ha deposto la cravatta nera, simbolo della divisa de Le Iene, sulla bara di Nadia Toffa. L’ultimo commovente testo da parte dell’autore del programma di Mediaset. Ecco le sue parole:

“Per me oggi celebrare questa messa è molto difficile ma noi abbiamo un debito di riconoscenza nei confronti di questa ragazza. Nadia sei stata capace di mettere l’Italia in subbuglio in questi giorni, di unire il nord con al sud“, 

nadia-toffa-funerali

Tanti i messaggi toccanti in questi giorni, le parole di Don Maurizio, colui che per ultimo desiderio di Nadia Toffa ha celebrato il suo funerale, hanno lasciato le migliaia di persone in silenzio tra le lacrime

“Nadia ha avuto fame e sete di giustizia dove ci sono i più bistrattati, nella terra dei fuochi. Nadia era dalla parte dei più deboli. Nadia, tu sei stata amata perché hai amato la verità e hai fatto del tuo lavoro una missione, come dovremmo fare tutti. Perché i social parlano solo di te?

funerali-nadia-toffa

Perché sei stata autentica, perseverante, tosta, sei stata una ‘iena’ ma anche una colomba, sei stata forte ma anche così fragile. Sei stata una donna amante della giustizia. Come Gesù è stata amata e odiata”.