Georgette Polizzi

Georgette Polizzi confessa di aver subito violenze dalla madre

Georgette Polizzi ha confessato in un'intervista di aver subito violenze fin da piccola da parte della madre e di esserne uscita soltanto a 15 anni quando è entrata in una casa famiglia

La vita di Georgette Polizzi è stata molto travagliata. La stilista ed ex protagonista di Temptation Island ha parlato del suo passato burrascoso nel corso di un’intervista rilasciata a Leggo.

Polizzi Georgette

Georgette ha confessato la sua infanzia non facile con la madre che la maltrattava continuamente: “Mi ha picchiata fin da piccolissima. Adesso ho capito che era malata, ma quando sei bambina non lo capisci, pensi che quella rabbia sia la normalità, che tutti i genitori reagiscono così per punire i figli quando magari rompono qualcosa, credi di meritarle” – ha detto. Maltrattamenti andati avanti fino all’età di 15 anni quando è finita in ospedale e a quel punto è stata allontanata da lei e messa in una casa famiglia.

Georgette Polizzi vittima anche di bullismo per il colore della sua pelle

Ma da giovanissima non ha dovuto solo affrontare e superare le percosse della madre ma è stata anche vittima di bullismo a scuola per colpa del colore della sua pelle.

“Per strada i compagni di scuola mi facevano cadere, mi tiravano i sassi in testa per il colore della mia pelle. Erano gli anni Ottanta, il razzismo era tanto. Mi sono resa conto di essere diversa a 6-7 anni, stavo malissimo. Probabilmente da lì nasce la mia voglia di rivalsa, di dimostrare agli altri che sapevo fare le cose come loro e forse ancora meglio di loro” – dice Georgette a riguardo.

Una vita travagliata, proseguita con la brutta diagnosi di sclerosi multipla. Ma non si è arresa, ha continuato a lottare e ha cercato di trasformare le difficoltà della vita in energia positiva.

“Bisogna amare la vita e non buttarsi mai giù, perché in questo tipo di malattie i farmaci fanno molto, ma senza la testa non ci si riprende. Io da un giorno all’altro mi sono ritrovata paralizzata, ma con grande impegno e forza di volontà ho ripreso a camminare in quattro mesi. Se ce l’ho fatta io, ce la può fare chiunque”.