Giffoni 2019: il diario della prima giornata

Tra alieni, youtuber e anteprime si apre la prima giornata al Giffoni Film Festival

Home > Spettacolo > Giffoni 2019: il diario della prima giornata

Si è ufficialmente aperto nella giornata di ieri il 49esimo Giffoni Film Festival, il grande festival su cinema, serie tv e musica, tutto dedicato ai giovanissimi. Protagonisti della giornata di ieri gli alieni di Men In Black: International, il Music Concept Giffoni (alla sua prima edizione), il mondo di YouTube e la celebrazione per i 50 anni dall’allunaggio.

Giffoni 2019

Grande festa al Giffoni Film Festival per l’inizio ufficiale dei lavori. Alla sua 49esima edizione il Festival, da sempre  dedicato al mondo dei più giovani, cambia nuovamente faccia, aprendosi ad un dialogo sempre più complesso che riguarda l’arte nel suo generale, dal cinema alla musica, dal mondo di youtube alla serialità, arrivando a toccare, però, anche argomenti storici. “Sarà una 49esima edizione ricca di emozioni – ha dichiarato il sindaco Antonio Giuliano –  oggi è l’inizio del futuro verso il cinquantennale con 6200 giurati provenienti da cinquanta Paesi oltre che da tutta Italia. Qui possiamo condividere la fratellanza, la solidarietà, stare insieme in questo viaggio che ci ha portato fin qui.

Giffoni 2019

Ad inaugura il Festival quest’anno ci ha pensato la musica; infatti è partito ieri il Giffoni Music Concepet, il programma musicale della 49esima edizione del Giffoni Film Festival che si terrà dal 19 al 27 luglio, un programma articolato e dedicato al grande pubblico che frequenterà Giffoni. Si avrà la possibilità di essere non solo spettatori ma anche protagonisti degli eventi in programma. Un format innovativo, partecipativo ed emozionale, totalmente gratuito, che esprime anche da questo aspetto l’anima del Festival.

Il primo artista ad esibirsi ad incontrare i ragazzi è stato Anastasio, mentre oggi toccherà ad Elodie e gli Autogol. Il ricco programma musicale del Giffoni Music Concept – Vivo Giffoni coniugherà grandi live, un rap contest e tantissime masterclass con gli artisti che si esibiranno in Piazza Fratelli Lumière la sera e si racconteranno nel pomeriggio ai giovani iscritti alle Masterclass.

Giffoni 2019

Si entra nel vivo del Festival nel pomeriggio, dove sono cominciati i primi eventi ed i primi incontri con registi, attori, giovani attori ed artisti vari, come per esempio ovvero I Pantellas, The Show e Willwoosh, i quali sono stati protagonisti di un panel sul cinema e sulla creatività assieme a Stefano Caridi, Partnership Manager di YouTube, per riflettere con i ragazzi sui rapporti tra grande schermo e nuove forme del racconto web. Il panel si è concentrato soprattutto sullo scambio che questi due mezzi, apparentemente diversi, possono avere tra di loro, creando un linguaggio nuovo ed unico. Il cinema dal web può ritrovare il coraggio della sperimentazione, che da qualche anno sembra vacillare al quanto; mentre il web può apprendere le tecniche di produzione e organizzazione del lavoro tipiche del grande schermo. Un incontro interessante sulle nuove possibilità di linguaggio multimediale che possiamo apprendere nel futuro.

Giffoni 2019

E parlando di cinema entriamo nel vivo del Festival e dei suoi film, dove è stato presentato il primo film del concorso, You’ll Never Walk Alone di Geng Xu. Una storia avvincente, avvolta da una malinconia che non si lascia sopraffare dal destino ed è pronta a combattere e insistere per riuscire a vedere ancora la luce: un pallone, un insegnante con tanta passione, un vecchio preside che odia il calcio, un gruppo di ragazzini pieni di vitalità e un terremoto che scuote il mondo. La pellicola è una risposta alla paura, è il sorriso per riuscire ad andare incontro al futuro, è un viaggio tra i sentimenti e le incertezze di un gruppo di ragazzini che non cammineranno mai soli.

E parlando di cinema, il Festival ha ospitato la sua prima grande anteprima mondiale di questa 49esima edizione, ovvero Men In Black: International, pellicola spin-off del franchise Men In Black, diretta da F. Gary Gray con Chris Hemsworth e Tessa Thompson. In occasione della presentazione del film, il blu carpet si è tinto di di nero, calcato da un agente d’eccezione in incognita, il cagnolino Frank, protagonista di un simpatico corto social per il reclutamento di un nuovo elemento della squadra intergalattica più tosta in circolazione.

Giffoni 2019

Lo spin-off, in sala il 25 luglio, è stato accolto al Festival da un vero e proprio comitato di benvenuto con sei agenti in tenuta d’ordinanza (completo, occhiali scuri e sguardo super concentrato). Marini, Frank e la loro speciale scorta sono stati accolti da centinaia di palloncini neri che hanno poi rimbalzato per tutta la sala dove le coloratissime t-shirt dei giurati si sono trasformate in giacche e cravatte scure.
Sulle note della colonna sonora del film anche Frank si è messo in posa sull’attenti, pronto a scattare per scovare l’infiltrato. Ma le sorprese non sono finite: dopo le due proiezioni, alle 22.30 in Piazza Lumiere avrà luogo uno spettacolo di colori e luci – con sorprese al seguito – per omaggiare il tema dell’Aria con presenze “non identificate” in alto nel cielo notturno.

Guarda il video dell’arrivo dei Men In Black al Giffoni Film Festival

E se si parla di alieni non si può parlare di luna, quindi non possiamo non concludere questa prima giornata con un evento molto particolare che celebra i 50anni dall’allunaggio e che si terrà proprio oggi, 20 Luglio.

Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità.

A cinquant’anni da un avvenimento che ha modificato la storia dell’umanità, l’Osservatorio Astronomico Gian Camillo Gloriosi ospiterà l’evento il Giffoni Film Festival incontra la luna, un appuntamento da osservare con lo sguardo rivolto al cielo.

L’evento continua con le acrobazie aeree di ValeSullaLuna, impegnata nello spettacolo Eteree fughe dalla realtà e Comicità in Volo. L’artista interpreta, senza parole, una donna che gioca a fare la sposa, ma non trova la sua anima gemella e decide di partire, con la Luna. Poetiche acrobazie aeree per raggiungere la libertà e quella magia che solo il volo può dare in una ‘culla di luna, luna di mare, luna blu che fa volare’.