Il diavolo veste Prada, 10 cose che abbiamo imparato dal film

 

Il diavolo veste Prada compie 10 anni: ebbene sì, è già passato tutto questo tempo da quando per la prima volta ci siamo innamorate del personaggio cinico e senza cuore, all’apparenza, interpretato da Meryl Streep, oltre che di quello timido, ma risoluto impersonato da Anne Hathaway. Il film, che debuttò nelle sale americane proprio il 30 giugno del 2006, non è solo piacevole da vedere, soprattutto per i capi di moda che presenta, ma anche per la storia raccontata: il film ci insegna tante preziose perle di vita. Noi ve ne diamo 10, una per ogni anno del film.

il-diavolo-veste-prada2
Questa donna fa paura!

1. Colloquio di lavoro

Preparatevi e presentatevi al meglio, non solo con il dress code giusto, ma anche prendendo informazioni sul lavoro che andrete a fare. No ai pregiudizi.

2. Siate sempre sul pezzo

Se lavorate nel campo della moda, non potete non sapere niente di moda. E questo vale per ogni ambito di lavoro.

3. Date sempre il massimo

Proprio come ha fatto il personaggio di Anne Hathaway quando è riuscita a trovare le copie in esclusiva del nuovo Harry Potter.

4. Non scoraggiatevi

Certo, l’inizio può essere in salita, ma solo con l’impegno e il duro lavoro si può arrivare lontano.

5. La moda è un gioco crudele

Ma questo lo sapevamo già, vero?

il-diavolo-veste-prada1
Il diavolo veste Prada, ma anche altri brand!

6. Nulla è lasciato al caso nel mondo della moda

Ogni cosa è frutto di duro lavoro, di studio, di attenzione ai dettagli: non è così facile come sembra.

7. Parigi è sempre Parigi

Come non innamorarsi ogni volta di questa città, anche se la vediamo solo sul grande schermo?

8. Mai lasciare la strada vecchia per quella nuova

Lasciare il fidanzato per nuove avventure? Potrebbe essere una scelta che alla lunga non porta da nessuna parte.

9. Correre sui tacchi… solo a New York si può!

Ma come fanno!

10. Non tradite chi siete

Questo ce lo spiega alla perfezione la scena in cui Anne Hathaway “abbandona” Meryl Streep a Parigi: non dimenticate mai chi siete.

di Redazione