Le frasi più belle del Piccolo Principe

Un racconto senza tempo, in questi giorni al cinema in una nuova versione!

 

Alzi la mano chi non conosce Il Piccolo Principe: il capolavoro di Antoine de Saint-Exupery è spesso considerato un capolavoro tra i romanzi dedicati all’infanzia, anche se, a dire il vero, a leggerlo dovrebbero essere i bambini, per ricordare cosa voleva dire essere piccoli. Il tema di questo libro è contenuto anche nel film che è uscito nelle sale cinematografiche il primo gennaio e che ci racconta come è nata la storia del Piccolo Principe: un film magico che consigliamo di vedere con i bambini. E per non dimenticare il Piccolo Principe che è in noi, ecco le frasi più belle tratte dal romanzo!

il-piccolo-principe1
Il piccolo principe

Solo i bambini sanno quello che cercano“.

Mi domando, – disse, – se le stelle sono illuminate perché ognuno possa un giorno trovare la sua”.

Tutti i grandi sono stati bambini una volta. Ma pochi di essi se ne ricordano”.

il-piccolo-principe4
Il piccolo principe è di nuovo al cinema

Tu, fino ad ora per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo“.

Amare è donare tutto se stesso senza nulla chiedere amare è non dire mai… mi devi“.

il-piccolo-principe2
Il piccolo principe con la sua rosa

Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi“.

È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante“.

Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò a essere felice“.

I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta“.

I bambini devono essere indulgenti coi grandi“.

il-piccolo-principe3
Il piccolo principe con l’amica volpe

Il mio disegno non era il disegno di un cappello. Era il disegno di un boa che digeriva un elefante. Affinché vedessero chiaramente che cos’era, disegnai l’interno del boa. Bisogna sempre spiegargliele le cose, ai grandi“.

Quando tu guarderai il cielo, la notte, visto che abiterò in una di esse, visto che riderò in una di esse, allora sarà per te come se tutte le stelle ridessero“.

Gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare con il cuore“.