Marco Carta e il furto in Rinascente: incastrato dalle telecamere di sorveglianza

Marco Carta: guai in vista per il cantante. Spuntano i filmati delle telecamere di videosorveglianza del furto in Rinascente

Home > Spettacolo > Marco Carta e il furto in Rinascente: incastrato dalle telecamere di sorveglianza

Marco Carta è di nuovo al centro delle polemiche per quanto riguarda il furto in Rinascente avvenuto qualche tempo fa a Milano. Il vincitore di Amici di Maria De Filippi sarebbe stato incastrato dalla pubblicazione del filmato delle telecamere di videosorveglianza.  Il video potrebbe ribaltare i fatti

Marco Carta era in compagnia di Fabiana Muscas, una sua amica sarda, quando è stato fermato dagli uomini della sicurezza del centro commerciale per poi essere arrestato. Il suo arresto per furto aggravato in pochi secondi è diventata una notizia nazionale.

marco-carta-furto-videocamera

Il ragazzo è stato rilasciato dopo qualche ora, lui stesso aveva negato di essere colpevole del furto ma aveva dato la colpa alla donna che era con lui. Oggi però la diffusione delle immagini di sorveglianza dei grandi magazzini potrebbero riaprire le indagini

marco-carta-furto-rinascente

Il materiale ripreso dalle telecamere dovrebbe confermare l’ipotesi di Nicola Rossato, il pm che ritiene che il cantante sardo sia assolutamente coinvolto nel furto. Anche le testimonianze di chi quel giorno era a lavoro ai grandi magazzini sono in contraddizione con la versione dei fatti riportata dal sardo.

marco-carta-furto-in-rinascente

Il 20 settembre, si terrà il processo e sarà reso noto l’esito delle indagini. In questi giorni l’attenzione è stata comunque rivolta al cantante per l’uscita del suo nuovo album. Il giovane infatti sta pubblicizzando l’evento in giro per l’Italia.

marco-carta-videosorveglianza

Con lui anche il suo fidanzato Sirio, persona fondamentale per Marco. Il compagno infatti sembra che abbia aiutato il cantante sardo a superare il trauma dell’episodio in Rinascente.

Voi che ne pensate? Marco Carta è coinvolto o no nel furto di sei magliette del valore di 1200 euro?