Matteo Viviani: svaligiata la casa della “Iena”

I ladri in azione durante il weekend di Pasqua, il bottino è di 75mila euro

Home > Spettacolo > Matteo Viviani: svaligiata la casa della “Iena”

È stata svaligiata la casa dell’inviato Matteo Viviani del programma “Le Iene”. I ladri sono entrati in azione in un appartamento a Milano in zona Affori, hanno portato via gioielli, contanti e oggetti di valore che sono stati quantificati con la somma di 75mila euro dal giornalista. La iena si è accorto del furto ieri sera intorno alle 22.30 e ha subito denunciato l’episodio alla Polizia.

A poche ore dal furto Ludmilla Radchenko, moglie di Viviani, ha voluto postare la foto dello stato della cassaforte sventrata dai ladri su Instagram. La donna, ex modella e artista, ha espresso così il suo pensiero su quanto accaduto:

matteo-viviani-furto

“Così è finita la nostra vacanza di Pasqua. Non voglio fare la vittima, perché siamo fortunati di aver avuto con noi i gioielli più importanti: Nikita ed Eva (le due figlie, ndr), sani e salvi.  Oltre a questo basta volgere lo sguardo verso lo Sri Lanka per asciugarsi le lacrime ed andare avanti. Andare oltre, come abbiamo sempre fatto”

matteo-viviani-iene

Dopo il lungo sfogo, la modella conclude così: “Le cose materiali si recuperano e l’orgoglio di guadagnarsi onestamente tutto ciò che si ha non si può rubare”, come fosse una frecciatina ai ladri. Ad avvertire Viviani sarebbe stato un vicino i casa insospettito da i segni di effrazione sul cancelletto del ballatoio e su una porta-finestra che dà su un disimpegno. La Polizia di Stato sta cercando di individuare chi siano i malviventi che si sono intrufolati nell’appartamento di Viviani. Matteo è stato costretto a rientrare prima delle sue vacanze di Pasqua per fare l’amara scoperta.

cassaforte

Il conduttore infatti si trovava in vacanza a Ferrara e aveva documentato le proprie feste sul suo profilo Instagram. Sarà stato questo a far mettere in azione i ladri? Viviani comunque ha sostenuto il post di sua moglie Ludmilla scrivendo che i problemi della vita sono altri.