Rai in lutto: è scomparso l’assistente di studio Giorgio Gori

L'ispettore capo dello Studio 1 è morto nella notte tra giovedì 22 e venerdì 23 novembre. Il ricordo di Timperi, Magalli e Rosini.

Home > Spettacolo > Rai in lutto: è scomparso l’assistente di studio Giorgio Gori

Rai in lutto. È scomparso Giorgio Gori, assistente di studio di tanti programmi televisivi e ispettore capo dello Studio 1, nella notte tra giovedì 22 e venerdì 23 novembre. L’uomo era sposato e aveva figli.

Giorgio-Gori

Tiberio Timperi, conduttore de La Vita in Diretta ha ricordato Giorgio Gori durante la diretta e non è riuscito a trattenere le lacrime: “Si chiamava Giorgio. Qualifica? Assistente di studio. In verità, un amico! Sempre pronto a dispensare consigli, a raccogliere sfoghi e a regalare sorrisi. Una roccia d’uomo con un cuore grande, ma fragile, che lo ha abbandonato all’improvviso senza lasciarci neanche il tempo di dirgli arrivederci. Amava il suo lavoro come pochi, ma ancora di più i suoi figli, per i quali stravedeva. A loro va un forte abbraccio”.

Timperi-Magalli

Anche Giancarlo Magalli, conduttore de I Fatti Vostri, ha ricordato l’assistente di studio, noto e stimato da tutti in via Teulada: “Abbiamo lavorato con un dolore nel cuore perché arrivando abbiamo saputo che un amico è scomparso. Era un ispettore di studio, una di quelle persone la cui professionalità fa sembrare professionali anche noi, che ne beneficiamo. Si chiama Giorgio Giorgi, un amico, un uomo di grande professionalità e talento. È scomparso questa notte e questa mattina si è saputo. Lo salutiamo e lo ringraziamo di tutto quello che ha fatto con noi e per noi. Tanti anni di meraviglioso lavoro”.

Giorgio Gori

Luca Rosini, conduttore di UnoMattina in famiglia, ha dichiarato: “Oggi a Uno mattina in famiglia è stata una giornata venata da una grande tristezza: la morte improvvisa di Giorgio Giorgi, l’ispettore capo dello studio di via Teulada, ci ha colpito profondamente. Noi lo abbiamo ricordato con parole di affetto e stima e soprattutto cercando di continuare a fare bene il nostro lavoro, come penso Giorgio avrebbe voluto. Ciao Giorgio, sarai sempre con noi”.