Selvaggia Roma e la gaffe della pancia come i bambini africani

Selvaggia Roma ha chiesto scusa per la gaffe in cui ha detto di avere la pancia come quella dei bambini africani: che caduta di stile

Home > Spettacolo > Selvaggia Roma e la gaffe della pancia come i bambini africani

Selvaggia Roma fa parlare di se per una gaffe che non è certamente passata inosservata e che lei ha definito come una leggerezza, per la quale ha già chiesto scusa. Ma la bufera non si placa per quelle parole: lei ha paragonato la sua pancia a quella dei bambini africani. Nessuno le perdona queste parole.

Selvaggia Roma

Anche in occasione della sua partecipazione a Live – Non è la D’Urso, Selvaggia Roma ha chiesto scusa per quella frase che ha scritto nelle Storie di Instagram. Parlando di alcune pillole che è in procinto di prendere per perdere peso, ha scritto: “Inizio a prenderle che mi sa che mi si è fermato il metabolismo! Ho una pancia! Avete presente i bambini africani? Ecco. Io sto facendo quella fine”.

Ovviamente le sue parole non sono passate inosservate. E da Barbara D’Urso ha chiesto nuovamente scusa: “Chiedo scusa a tutti nuovamente perché comunque sia ho detto quella frase con troppa leggerezza, tanto che solo il giorno dopo mi sono accorta della gaffe”.

Ha poi raccontato di essersi vista arrivare insulti di ogni genere: “Mi hanno detto di tutto, che sono razzista, omofoba… da un estremo all’altro. Quello che ho detto non è stato intenzionale per offendere, del resto anche io faccio parte dell’Africa. Mio padre è tunisino. Ho riconosciuto il mio sbaglio e sono consapevole della sciocchezza che ho commesso, ma il massacro mediatico che ho subito mi è sembrato eccessivo. A Roma si usa questa espressione per indicare quando si ha la pancia ma non è comunque una giustificazione nella maniera più assoluta”.

Ma nonostante le sue scuse sui social network e anche in televisione, le polemiche non si placano. Anche perché non sono parole che si dimenticano facilmente.

Tanta gente dovrebbe imparare a pensare almeno mille volte prima di pubblicare qualsiasi cosa su internet.