Studiare ascoltando la musica fa bene

Genitori e professori dovranno rassegnarsi di fronte a questa scoperta!

Home > Spettacolo > Studiare ascoltando la musica fa bene

Alzi la mano chi riesce a concentrarsi meglio con un sottofondo musicale, perché il silenzio proprio non lo sopporta. In particolare i più giovani quando studiano sono abituati a tenere la radio o Spotify accesi, perché sono in grado di essere più produttivi. Genitori e professori talvolta li rimproverano, pensando che, invece, il silenzio è il compagno migliore per poter apprendere tutto quello che c’è da studiare. Chi ha ragione? La scienza dà ragione ai giovani studenti che studiano con la musica accesa!

Emma Gray, esperta del British Cognitive Behaviour Therapy and consuelling di Londra, rivela che un ambiente silenzioso e tranquillo per studiare e fare i compiti non è sempre la scelta migliore per i bambini. Anzi, un sottofondo ritmato, con rumori non troppo intensi, come una canzone pop o la pioggia che batte sui vetri, può essere una iuto in più per i nostri ragazzi.

Pare che sia un vero e proprio toccasana per studiare meglio e con più velocità la matematica, ma anche le lingue straniere o materie creative come arte e tecnica. A giovarne di più i ragazzi introversi e timidi e gli studenti che vanno all’università. Ma quali sono le canzoni che aiutano i ragazzi a studiare meglio?

Secondo l’esperta, sarebbero i brani di Rihanna, Miley Cyrus e Katy Perry ad aiutare meglio gli studenti a fare i compiti e a sperare in voti migliori a scuola. In pratica le canzoni più adatte sono quelle che propongono ritmi fra i 60 e gli 80 battiti al minuto (come We can’t stop di Miley Cyrus e Mirrors di Justin Timberlake), perché consentono ai ragazzi di calmarsi.

Ritmi più forzati, come Satisfation dei Rolling Stones o Firework di Katy Perry, invece, aiutano il cervello ad apprendere meglio e più velocemente. Funzionerebbero anche Per Elisa di Ludwig van Beethoven e il concerto per pianoforte e orchestra n.21 in C major di Mozart.

Quindi, la prossima volta che vedete un ragazzo studiare con la musica accese, non schiacciate il tasto Off!