Tinto Brass, film e frasi del regista

Tinto Brass, film e frasi del regista famoso anche per le bellissime attrice di cui si è sempre circondato

Home > Spettacolo > Tinto Brass, film e frasi del regista

Tinto Brass è sicuramente uno dei registi italiani più conosciuti, soprattutto per i suoi film che non sono mai passati inosservati. È il maestro del cinema erotico italiano, nato a Milano il 26 marzo del 1933. Da tempo non realizza più pellicole e di recente è stato molto male. Numerosi i film da lui diretti e sceneggiati, così come molte sono le attrici che hanno lavorato con lui.

Tinto Brass

Tinto Brass, all’anagrafe Giovanni Brass, è stato sposato con Carla Cipriani, morta nel 2006. Dalla loro unione sono nati Beatrice e Bonifacio. Oggi è sposato a Caterina Varzi, ex avvocato e attrice. I due sono convolati a giuste nozze nel 2017, quando lui aveva 84 anni. Il 10 luglio 2019 è stato ricoverato in ospedale, in terapia intensiva al Sant’Andrea di Roma. Nel 2010 aveva avuto un ictus.

 

Tutti i film di Tinto Brass

  • Spatiodynamisme (cortometraggio) (1960)
  • Chi lavora è perduto (In capo al mondo) (1963)
  • Ça ira, il fiume della rivolta (1964) – documentario
  • La mia signora (1964) – episodi “L’uccellino” e “L’automobile”
  • Il disco volante (1964)
  • Yankee (1966)
  • Col cuore in gola (1967)
  • L’urlo (1968)
  • Nerosubianco (1969)
  • Dropout (1970)
  • La vacanza (1971)
  • Salon Kitty (1975)
  • Caligola (1979)
  • Action (1979)
  • La chiave (1983)
  • Miranda (1985)
  • Capriccio (1987)
  • Snack Bar Budapest (1988)
  • Paprika (1991)
  • Così fan tutte (1992)
  • L’uomo che guarda (1994)
  • Fermo posta Tinto Brass (1995)
  • Monella (1998)
  • Tra(sgre)dire (2000)
  • Senso ’45 (2002)
  • Fallo! (2003)
  • Monamour (2005)
  • Hotel Courbet (2009) – cortometraggio

Tinto Brass

Frasi

Non ci siamo mai detti “ti amo”. L’amore era il vivere stesso, onorato con così grande entusiasmo.

È sempre meglio passare ai posteriori che ai posteri.

Sono parzialmente invalido, lo so, ma vivo questo momento con semplicità e pazienza. E mi convinco sempre più che la serenità che provo oggi sia conseguenza diretta di come ho vissuto tutta l’esistenza: ho molto goduto, immaginato, immagazzinato, e mi sono espresso senza paura. Ecco perché accetto questa fase difficile e il suo prezzo mi pare equo. Gli anziani arrabbiati con la vita mi fanno pietà.

Le fantasie senili sono gioiose. E spesso mi vengono di notte, bellissime. Ma poi sul più bello di solito mi sveglio di colpo, perché mi scappa di andare in bagno.

I produttori sono sempre stati bravi a sfruttare le mie ossessioni, a farmi girare ciò che era più conveniente per loro.