Woodstock 50, concerti del 2019: annullato l’evento

Woodstock 50, concerti del 2019 annullati perché non si può garantire la sicurezza. E anche perché si ha paura di non essere all'altezza dell'originale!

Home > Spettacolo > Woodstock 50, concerti del 2019: annullato l’evento

Woodstock 50, i concerti del 2019 per celebrare il 50esimo anniversario del mitico concerto di Woodstock, che si dovevano tenere tra il 16 e il 18 agosto a Watkins Glen, nello stato di New York, sono stati cancellati. La manifestazione è annullata. Perché oggi eventi di quel genere non si possono più organizzare. Ne va della sicurezza di tutti quanti!

Woodstock 50, i concerti del 2019

A dare questa triste notizia sono stati i finanziatori del Dentsu Aegis Network, che raccoglievano i fondi per organizzare la nuova Woodstock. La nave è stata abbandonata da chi doveva trovare i fondi per poterlo organizzare al meglio, per rendere onore all’estate di pace e amore del 1969. Il maxi concerto celebrativo del 50esimo anniversario di Woodstock non si farà.

Non ci sono più le condizioni per organizzare un evento degno del marchio Woodstock, non crediamo che la produzione del festival possa garantire allo stesso tempo la salute e la sicurezza degli artisti, dei partner e dei partecipanti”, queste le parole degli organizzatori che di fatto scrivono la parola fine su un progetto che aveva già appassionato molti patiti di musica. Tanto che non si trovava dove dormire a chilometri di distanza dall’evento.

E pensare che avrebbero dovuto esibirsi grandi nomi della musica pop e della musica rock di oggi, come Jay-Z, The Killers, Chance the Rapper e Miley Cyrus, ma anche vecchie glorie che sono ancora sulla cresta dell’onda, come Robert Plant. E dovevano esibirsi anche artisti che avevano partecipato alla Woodstock del 1969, come John Fogerty dei Creedence Clearwater Revival, Carlos Santana, David Crosby, Canned Heat e gli Hot Tuna.

Woodstock 50

Da settimane circolavano voci su un forfait, anche perché la prevendita dei biglietti veniva sempre rinviata. Non è d’accordo Michael Lang, promoter dell’evento, che accoglie la notizia come una vera sorpresa, dicendo poi: “Non c’è ancora una cancellazione”.

Ma allora ci sarà oppure no?