Il walkman della Sony si prepara a tornare?

Vi ricordate il walkman? Ne avete nostalgia? La Sony pare sia interessata a farlo tornare, per la gioia di tutti i nostalgici

Home > Tecnologia > Il walkman della Sony si prepara a tornare?

Il walkman ha accompagnato una generazione di giovani ragazzi che potevano finalmente ascoltare la musica in mobilità. Sostituiti dai più moderni lettori mp3 e dagli iPod, oggi i walkman, con gli smartphone di ultima generazione, sono desueti. Ma Sony è pronta a farli ritornare.

walkman

Tutti ci ricordiamo con affetto e nostalgia il walkman. Il primo strumento di libertà di tanti adolescenti che in giro e con le musicassette potevano ascoltare la loro musica preferita ovunque si trovassero: mentre si spostavano per andare a scuola, chiusi in camera senza far ascoltare ad altri, magari di nascosto a scuola durante una lezione noiosa.

Che ne pensate di un bel ritorno del walkman? A 40 anni dal lancio di questo eccezionale strumento ecco che la Sony ha deciso di riproporre un dispositivo per poter ascoltare la nostra musica preferita in giro. Per l’occasione arriva un’edizione limitata, che riproduce anche il movimento del nastro.

Il nuovo strumento tecnologico è stato presentato in occasione dell’Ifa, la fiera tecnologica di Berlino. Il nome di questo nuovo walkman è NW-A100TPS e si ispira al modello TPS-L2 che per la prima volta ha fatto la sua comparsa a luglio 1979, diventando di fatto un’icona degli anni Ottanta.

walkman

Ovviamente non potremo ascoltare le musicassette, anche se molti di noi le hanno gelosamente contenute all’interno di un cassetto in soffitta. Sarà tutto virtuale e il movimento del nastro è riprodotto dal display HD da 3.2 pollici. Può memorizzare fino a 16 GB di dati per ascoltare musica in streaming. La batteria ricaricabile dura un giorno.

Quindi non dovremo più portarci dietro le pile di scorta e di ricambio e quintali di musicassette per non doverne ascoltare una sola, anche se di solito ci portavamo dietro una playlist che potesse accompagnarci anche nelle trasferte più lunghe.