Milkmaid: per un latte sempre fresco

Una caraffa intelligente contro sprechi e dimenticanze

Dall’incontro tra General Electric e Quirky nasce la caraffa intelligente Milkmaid, capace di saggiare – e notificare – la freschezza del latte in essa contenuto. Un ottimo rimedio contro gli sprechi (e contro la sbadataggine).

Milkmaid
Milkmaid

Tre sono gli ingredienti per trasformare uno degli oggetti più comuni utilizzati in cucina in un prodotto tecnologico – o come annunciato dagli ideatori “smarter with software”. Prima di tutto, la base: in questa è infatti contenuto un sensore capace di rilevare il pH del latte e, prendendo come livello ottimale un pH pari a 6.7, capace di identificare le sue variazioni, segno che il latte sta iniziando a deteriorarsi.

Il segreto è nella base
Il segreto è nella base

E qui si passa al secondo “ingrediente”: Milkmaid, infatti, avvisa l’utente sia modificando il colore dei LED posti sulla base, sia inviando, grazie alla carta SIM inclusa, un sms al numero scelto. Per finire, una App (creata attualmente solo per iOS) permette il controllo remoto di Milkmaid. Non solo. Grazie a questa applicazione sarà infatti possibile sapere quanto latte è rimasto nella caraffa, la sua temperatura e la stima della data di scadenza.

Latte fresco ogni giorno
Latte fresco ogni giorno

Ecco come una semplice caraffa si è trasformata in un oggetto intelligente… e dannatamente geek!

Qual è la distanza migliore per vedere la televisione?

Qual è la distanza migliore per vedere la televisione?

Quali sono le peggiori password di sempre?

Quali sono le peggiori password di sempre?

Yahoo Mail non funziona, perché?

Yahoo Mail non funziona, perché?

Trekking e tecnologia: le app per l'outdoor

Trekking e tecnologia: le app per l'outdoor

Natale 2020: poco fa la buona notizia per le famiglie

Natale 2020: poco fa la buona notizia per le famiglie

Google Maps: scopriamo le novità

Google Maps: scopriamo le novità

Instagram: 6 tipi di foto che non andrebbero mai pubblicate

Instagram: 6 tipi di foto che non andrebbero mai pubblicate