Ripple Headset: molto più di un orecchino

Quest’estate, mentre mi gustavo un libro della Kinsella (che adoro) mi sono divertita leggendo della protagonista che, parlando con una ragazza fantasma, fingeva di avere un dispositivo Bluetooth di ultima generazione nell’orecchino.

Geniale idea, ma non pensavo che esistesse davvero un marchingegno simile. Invece mi sbagliavo!
Si chiama Ripple Headset ed è l’orecchino speciale (e dalla forma un po’ futuristica) ideato da Ilya Fridman e presentato dai designer di Yankodesign.

Questo speciale auricolare Bluetooth, che niente ha a che vedere con quelli comunemente in uso, è dotato di un discreto aggancio in gomma morbida per il lobo dell’orecchio e si sincronizza wireless con il tuo cellulare. Due sono le modalità in cui l’orecchino può essere attivato: lo puoi usare in modalità talk, abbassando il microfono incorporato, o in modalità listening, schiacciando il pulsante circondato da un cerchio luminoso, proprio nel centro del gioiello tecnologico. Creato nella doppia colorazione – bianco e nero – questo speciale Bluetooth è ideato appositamente per il pubblico femminile. Concepito nel “lontano” 2009, purtroppo non è ancora in commercio (io non lo trovo nemmeno online!)…ma stai pur certa che se dovessi sapere qualcosa di più, sarai la prima a saperlo!

Qual è la distanza migliore per vedere la televisione?

Qual è la distanza migliore per vedere la televisione?

Hashtag vietati su Instagram: quali sono e perché

Hashtag vietati su Instagram: quali sono e perché

Natale 2020: poco fa la buona notizia per le famiglie

Natale 2020: poco fa la buona notizia per le famiglie

Companion, la app che rende il ritorno a casa da sole molto più sicuro

Companion, la app che rende il ritorno a casa da sole molto più sicuro

Peanut, il social network per mamme, neomamme e aspiranti tali

Peanut, il social network per mamme, neomamme e aspiranti tali

7 modi per trovare una persona su internet

7 modi per trovare una persona su internet

Quali sono le app che usiamo di più?

Quali sono le app che usiamo di più?