Un tatuaggio come suoneria

Nokia brevetta "l'haptic communication"... scopri con me di cosa si tratta!

Haptic communication. Comunicazione tattile. È l’ultima trovata di Nokia, che ha pensato bene di brevettare questa strampalata tecnologia. Si tratta di un vero e proprio tatuaggio costituito da materiale ferroso capace di comunicare con il proprio dispositivo mobile e recepire chiamate in entrata, sms e, perché no, mail e notifiche varie, vibrando sulla – pardon, nella – pelle.

Nel brevetto, la Nokia lo rappresenta così...
Nel brevetto, la Nokia lo rappresenta così…

Hai capito bene. È un tatuaggio vero e proprio, ma in più ti fa da suoneria. Se da un lato questa trovata garantirebbe la ricezione di qualsiasi tipo di chiamata (niente più scuse del genere “non avevo sentito”), dall’altro qualche dubbio sorge spontaneo. Quali potrebbero essere le conseguenze dell’impianto di questo materiale sulla pelle? Se non volessimo rispondere alla chiamata, siamo comunque costretti a tenerci il braccio vibrante fino alla fine? È solo l’inizio della nostra trasformazione da esseri umani a cyborg o un semplice brevetto destinato al dimenticatoio? Questo per ora non lo possiamo sapere, non resta che aspettare la prossima mossa della celebre azienda finlandese…

7 modi per trovare una persona su internet

7 modi per trovare una persona su internet

Spot trash 2014: da Pittarosso al Crodino, ecco gli scivoloni della pubblicità

Spot trash 2014: da Pittarosso al Crodino, ecco gli scivoloni della pubblicità

Come impostare un progetto fotografico in 5 passi

Come impostare un progetto fotografico in 5 passi

Game of Thrones: non è solo il telefilm del momento...

Game of Thrones: non è solo il telefilm del momento...

Lettura: quanti libri leggi in un anno?

Lettura: quanti libri leggi in un anno?

Facebook Messenger, il dettaglio non sfugge agli utenti: le ragioni del cambiamento

Facebook Messenger, il dettaglio non sfugge agli utenti: le ragioni del cambiamento

Hashtag vietati su Instagram: quali sono e perché

Hashtag vietati su Instagram: quali sono e perché