Quasi Live da Reykjavik

10 giorni, un team di ragazze, un filmer e la sottoscritta. Un viaggio che volevo fare da parecchio tempo ed è capitato a pennello. Comincia il diario dopo i primi due giorni di permanenza

Il nostro primo spot

Il nostro primo spot

Partenza da Monaco alle 7:00 (in after vista la mia brillante idea di partire in piena notte senza dormire), check in con i miei soliti bagagli light. Per cercare di mantenere un profilo low budget ho preso un volo KLM con scalo ad Amsterdam e Copenhagen. Dalla capitale Danese ho preso un volo con Iceland Express con cui ho raggiunto Reykjavik – Islanda. Durante la fase di atterraggio il paesaggio mi ha letteralmente lasciato senza fiato. Un’isola bianca che contrasta con le acque bluastre dell’oceano. Nonostante le immagini viste ed i video spulciati rimane un senso di sorpresa una volta messo piede su quest’isola. L’atmosfera è cordiale: dopo aver preso una navetta raggiungo facilmente il centro dove si trova la nostra base sopra il negozio Nikita. Rimarrò qui tutta la settimana con le ragazze, hanno già cercato gli spot dove girare, non mi resta che salire in macchina la mattina. Sveglia alle 10:00 (visto che è buio pesto fino alle 11:00), lavarsi in qualche modo nel nostro bagno senza doccia, chiudere la borsa dell’attrezzatura ed incastrare tutto sul fuoristrada.

Da qualche parte in Islanda
Da qualche parte in Islanda

Le strade non sono certo quelle a cui siamo abituati, se ci fa impressione guidare su 5 cm di neve qui devi imparare a guidare sul ghiaccio. Basa si sta occupando dell’aspetto guida sicura mentre Ana dell’intrattenimento-guida satellitare un po’ guasta. Giovedì 5 è il primo giorno di shooting per me, il filmer Rene inserisce un indirizzo nel navigatore, ci perdiamo. Dopo qualche giro a vuoto in una zona residenziale arriviamo allo spot.

Pausa pranzo
Pausa pranzo

Si tratta di un complesso di design che dovrebbe essere una sorta di casa di riposo. Sinceramente spero di passare la mia vecchiaia in un posto del genere! Le ragazze cominciano a sistemare l’inrun, io e il filmer posizioniamo tutta l’attrezzatura. Dopo un paio d’ore abbiamo finito, qualche scatto lifestyle e poi di nuovo in macchina. Pare che sia una delle uniche giornate di bel tempo per un lungo periodo, decidiamo di passare da Bláfjöll mountain, uno degli unici resort islandesi. Mentre raggiungiamo questo posto cala il buio, la luce infatti arriva verso le 11:00 e cala alle 17:00; il paesaggio assume un aspetto ancora più lunare. La roccia lavica spunta sui bordi della strada, non ci sono alberi, sembra di essere su un pianeta diverso. Qui sotto un brevissimo video che ho fatto mentre ci dirigevamo in uno degli unici resort, ovvero una collina a 45 minuti da Rejkyavic.

Bláfjöll mountain
Bláfjöll mountain
Dalla sinistra il filmer Rene, Ana, Basa (dietro) e Vid
Dalla sinistra il filmer Rene, Ana, Basa (dietro) e Vid
Potrebbe interessarti