civita di bagnoregio

Civita di Bagnoregio: perché visitare almeno una volta la Città che muore

Quella che era la città che muore oggi è tornata a vivere

Esiste un luogo suggestivo e quasi magico con un destino apparentemente segnato. Stiamo parlando di Civita di Bagnoregio, un borgo fantasma nel Lazio conosciuto come la città che muore.

civita di bagnoregio città che muore

C’era una volta e c’è ancora Civita di Bagnoregio

Immersa nel territorio della Tuscia, sospesa tra terra e cielo, la città che muore è collegata al resto del mondo da una lunga e faticosa passerella che però vale la pena di percorrere.

È lei infatti che apre le porte a un mondo che stava per essere cancellato per sempre dal destino avverso. Civita di Bagnoregio, conosciuta come la città che muore, è un piccolo comune del Viterbese tornato in auge negli ultimi tempi grazie al turismo nazionale e internazionale.

casa civita di bagnoregio

Da meta dimenticata a destinazione turistica

Sono lontani i tempi in cui passeggiando per Civita di Bagnoregio si aveva come la sensazione di trovarsi in un’epoca lontana, sospesa nel tempo e nello spazio. Immersa nella Valle dei Calanchi, la città che muore era più desolata che mai, ma bellissima e silenziosa.

Poi la voce di quella perla nascosta nella Tuscia si è diffusa attraverso le fotografie e i racconti di viaggio fino ad arrivare a oggi dove, ogni anno, oltre 700mila persone oltrepassano il ponte lungo per entrare nella città.

civita di bagnoregio

Civita di Bagnoregio e la fase di crescita

Grazie allo sviluppo turistico, alla creazione di itinerari e percorsi per i turisti, il paese sta vivendo una grande fase di crescita. Per fortuna, l’atmosfera autentica è ancora conservata lungo le strade e tra le case ella città anche se ora, proprio lì, si susseguono negozi e botteghe caratteristiche.

La vista però è ancora delle migliori: percorrendo Corso Mazzini si arriva al Belvedere che si affaccia su tutta la valla dei Calanchi ed è magia. Tra i vicoli e i vicoletti è comunque possibile scorgere panorami incredibili da finestre e archi che si affacciano verso l’infinità.

La storia della città che muore

Ma come mai Civita di Bagnoregio è stata definita la città che muore? Come anticipato, il destino di questo borgo etrusco di oltre 2mila anni fa è stato segnato da tragici eventi.

Diversi crolli, registrati nel corso dei secoli, hanno fatto sprofondare nella valle chiese e strutture bellissime, molte di queste perse per sempre. Questo senso di precarietà e fragilità ha fatto sì che il borgo fosse si spopolasse con il tempo fino a quando, con il turismo, è tornato a popolarsi.

Piccolo vademecum per innamorarsi del Lago di Como

Piccolo vademecum per innamorarsi del Lago di Como

Gargano: 4 buone ragioni per un viaggio nello sperone d’Italia

Gargano: 4 buone ragioni per un viaggio nello sperone d’Italia

Addiopizzo Travel e il turismo etico in Sicilia: intervista a Francesca Vannini Parenti

Addiopizzo Travel e il turismo etico in Sicilia: intervista a Francesca Vannini Parenti

Il Lago di Garda che non ti aspetti: viaggio a Tremosine

Il Lago di Garda che non ti aspetti: viaggio a Tremosine

Giappone: vietato baciarsi in pubblico

Giappone: vietato baciarsi in pubblico

Viaggiare è terapeutico

Viaggiare è terapeutico

Alla scoperta dell'Arcipelago della Maddalena, luogo da sogno in Sardegna

Alla scoperta dell'Arcipelago della Maddalena, luogo da sogno in Sardegna