Bigodino

martedì, 23 settembre 18:20
Seguici su

A tavola con... Maghetta!

A tavola con... Maghetta!

È un vulcano di idee, una ne pensa e cento ne fa: vi presento Giulia, aka Maghetta!

di Francesca Gonzales

Ed eccoci con l'intervista:

Ed eccoci qui con un nuovo ospite per la mia rubrica "A tavola con..."
Chi mi segue da un po' sa che ho una venerazione per lei, lei che mi ha fatto scoprire Instagram, cioè lo avevo già scaricato ma lei è stata una delle prime che ho iniziato a seguire e che mi ha fatto appassionare all'applicazione, poi sono passata al suo blog e piano piano a visitare tutti i suoi, lei dice 12, ma secondo me sono molti di più.. progetti!
Uno dei tanti progetti sono i suoi fumetti, che trovate sul blog Gikitchen e le foto dei suoi disegni che pubblica su Instagram.

Consigli alimentari di Maghetta, disegni di Giulia
Consigli alimentari di Maghetta, disegni di Giulia


Credo che sia un essere speciale, che ovviamente e giustamente possiamo conoscere solo in parte attraverso la creatività che lei esprime ogni giorno attraverso i suoi disegni, i suoi piatti fusion e tutte le diavolerie che ogni giorno si inventa!

piatti fusion e decorati di Maghetta Streghetta (foto di Giulia)
piatti fusion e decorati di Maghetta Streghetta (foto di Giulia)

Se vi piace la creatività, sicuramente vi piacerà Maghetta Streghetta, il suo alter ego: lei si chiama Giulia ed eccola qui su Bigodino per noi.

Adesso preparatevi a farvi due risate, perché passiamo alle domande!


Il tuo piatto preferito qual è? Perché?

Sono indecisa tra i broccoli bolliti con tanto limone e le fave lesse salatissime; forse però costretta con un muffin puntato alla tempia direi la seconda. Non perché sia una ragazza che ama le cose semplici, buone e genuine. È una frase che mi infastidisce come quando ci si definisce "solari". Le fave hanno una forma imperfetta ma armoniosa, una corazza morbida ma tenace e un colore che mi spaventa. Hanno tutto il disequilibrio di cui necessito. Poi sono verdi, colore che odio, e mi impongono disciplina.

Se fossi uno chef che tipo di ristorante avresti?

Uno dove non andrebbe nessuno se non i vecchi e veri amici giusto per motivi di tenerezza nei miei confronti. Sarebbe un luogo pieno di fumetti, quadri pasticciati e libri di favole. Li distrarrei con qualche Fumetto Ricetta nel Menù pregando che non si accorgano di quanto i miei primi piatti siano davvero orrendi. Punterei tutto sui secondi dal sapore etnico e orientaleggiante. Sono quelli dove riesco a fare meno pasticci. Pollo malese al cocco e insalata di pollo, ananas e maionese, suvvia.

Qual è l'odore del cibo che ti ricorda la tua infanzia?

La scacciata sicula e la pizza della nonna. L'odore di pane che incontra il broccolo con la cipolla mentre la patata danza con la salsa di quel pomodoro raccolto dal giardino tra la vite, il pozzo e gli animali liberi e felici.

Se fossi uno snack, cosa saresti?

Mi piacerebbe essere una merendina grondante di cioccolato che al primo morso spruzzi tutto e mentre ti sporchi ridi tantissimo infischiandotene di tutti e tutto. In realtà sono uno snack squallidissimo biologico con tanti cereali, poco zucchero e calorie controllate. Il mio animo è da merendina grondante di cioccolato, eh. Ma l'autodisciplina mi porta ad essere uno snack noioso, organizzato e fiscale nelle varie tabelle.

Quando il cibo è una coccola/comfortfood, che cosa ti prepari o concedi?

Il gelato. Raggiungo l'apoteosi della gioia solo ed esclusivamente con il gelato *disse con rivoli di bava alla bocca*. Che sia inverno o estate poca è la differenza. Riesco a mangiare enormi coppe di gelato attaccata come un geco al termo arredo. Batto i denti ma non demordo. Mi piace poi moltissimo prepararlo in casa e con prodotti freschissimi e naturali. La mia intolleranza al latte è purtroppo un intoppo non indifferente; anche se fortunatamente adesso c'è un'attenzione particolare per la suddetta tipologia e l'emarginazione al banco frigo è solo un triste ricordo. Ad infilare due bicchieri di latte di riso ghiacciato nel Bimby con tanta frutta fresca si impiegano tre minuti e quindi: evviva!

Dato che siamo donne al passo con i tempi… un consiglio tecnologico? cosa non deve mancare nella cucina di un'amante del cibo? (Elettrodomestici, app!, diavolerie varie etc)

Ehhhhhhhhhh qui casca l'asino (aiuto! aiutiamo ad alzare l'asino!). Sono una fissata-maniaca-pazza e se proprio non volessi addossarmi delle colpe (che fa sempre comodo psicologicamente) potrei dire semplicemente che è colpa della mia famiglia che è nel settore tecnologico. Sono cresciuta tra aggeggi elettronici e sono proprio una ragione di vita. In questo momento senza ombra di dubbio alcuno: ipad. Scarico le riviste culinarie, a pagamento e non, e in un unico aggeggio riesco ad avere tutti i numeri-ricette-consigli-frizzi e lazzi. Per non parlare delle App e degli Ibook. Per quanto riguarda la cucina c'è solo l'imbarazzo della scelta.

E per finire per tutte le Bigogirl, hai un consiglio da dare per rimanere in forma o un trucchetto che usi dopo una grande mangiata?

Ho perso più di ottanta chili e dopo il mio outing pubblico molto spesso mi viene posta questa domanda corredata da altre curiosità. La verità è che l'alimentazione non deve essere affidata al caso e che rimane senza ombra di dubbio alcuno il termometro di tutta la nostra esistenza. L'alimentazione sana deve diventare una ragione di vita ed essere perseguita con fatica, disciplina e rinuncia.
E dopo il sermone della vecchia babbiona zia Iaia posso semplicemente dire che sì. Il segreto c'è ed è: movimento. Corro tantissimo. Nonostante tutti i miei sforzi e sacrifici durante la dieta, il mantenimento e la costante lotta con i miei dichiarati disturbi alimentari posso asserire senza ombra di dubbio alcuno che sono il movimento e lo sport l'arma vincente.
Ti sei mangiata otto chili di gelato? Non rimpiangerlo ma semplicemente sali e scendi come una pazza le scale e dacci sotto con lo step!

Mousse verde, credo avocado! (foto di giulia)
Mousse verde, credo avocado! (foto di giulia)


Vi lascio un'immagine con cui l'ho conosciuta la prima volta, una bambina in un paese incantato fatto di animaletti, gnomi, conigli e cibo che si trasforma in simpatiche creatura. A me diverte molto, mi distrae dalla solita routine e la trovo estremamente intelligente, spero possa piacere anche a voi.

Maghetta nel paese delle meraviglie con un rabbit (foto di Giulia)
Maghetta nel paese delle meraviglie con un rabbit (foto di Giulia)