Miniguida alla Parigi gratis

Parigi è una città che offre miriadi di opportunità, come scriveva Hemingway in una famosa lettera: “Se hai avuto la fortuna di vivere a Parigi da giovane, dopo, ovunque tu passi il resto della tua vita, essa ti accompagna, perché Parigi è una festa mobile”. Arrivando a Parigi si ha l’impressione che ci siano infinite possibilità tra cui scegliere, mille variazioni sul tema e altrettanti percorsi: è proprio così! Oggi scopriremo un aspetto della città molto caro ai parigini ma spesso ignorato dai turisti: la Parigi del bon plan, ovvero, la Parigi gratis! Possibile, anche in una delle città più care del mondo: sono gratuite a Parigi l’entrata nella magica Cattedrale di Notre Dame (si paga invece per salire sulla torre), il Pont des Arts (con i suoi romantici lucchetti) tutti i parchi e gli splendidi Giardini del Luxembourg, ma anche un sacco di altre cose. Tra luci scintillanti, musei stupendi e ristoranti tipici, vediamo insieme il meglio della capitale francese a costo zero.

Parigi dall'alto - foto di Elisa Chisana Hoshi
Parigi dall'alto – foto di Elisa Chisana Hoshi

Intorno alla magica Montmartre

Montmartre è uno lei luoghi più amati di Parigi: quartiere di artisti e bohémien, da sempre esercita un fascino particolare su parigini e turisti. Anzitutto, la Basilica del Sacro Cuore è gratuita: finita la vostra visita alla Basilica, vi consiglio due alternative magnifiche. Uno è l’opera Lesjetaimes, nel parco di Place des Abesses: un murale con su scritto ti amo in centinaia di lingue diverse, dagli artisti Frederic Baron e Claire Kito. Potrete poi scendere verso Pigalle e raggiungere il Museo del Romanticismo, un ex atelier d’artista del 19° secolo, gratuito e immerso nel verde.
Musée de la Vie Romantique, 16, rue Chaptal, Paris 9th – Metro Pigalle

I musei gratuiti a Parigi: come, dove e perché

I musei di Parigi sono gratuiti per tutti i minori di 26 anni. I musei sono anche gratuiti per tutti, senza eccezioni, le prime domeniche di ogni mese, ad eccezione del Louvre che è gratuito la domenica soltanto fino alla fine di marzo.
Una cosa che molti ignorano è che qui a Parigi ci sono anche i quattordici stupendi musei civici della Ville de Paris: l’ingresso alla collezione permanente è gratuito tutto l’anno! In questo sito trovate l’elenco completo e la brochure da scaricare.

Quelli che ho amato di più sono il Musée Carnavalet – Histoire de Paris: 23, rue de Sévigné, Paris 3rd – Metro Saint-Paul Chemin Vert (bellissimo museo nel cuore del Marais! Tra le sue meraviglie, i mobili originali di una gioielleria Art Déco disegnata dall’artista Alphonse Mucha); il Musée Cernuschi: 7, avenue Velasquez, Paris 8th – Metro Villiers (ricchissimo di arte orientale, splendidamente allestito in un Hotel Particuluer alle porte del favoloso Parc Monceau) e il Petit Palais, Musée des Beaux Arts de la Ville de Paris: Avenue Winston Churchill, Paris 8th – Metro Champs-Elysées (un palazzo straordinario costruito in occasione dell’Expo Universelle del 1900, splendidi capolavori dell’arte rinascimentale francese e italiana).

Museo Cernuschi - foto di Elisa Chisana Hoshi
Museo Cernuschi – foto di Elisa Chisana Hoshi

Le guide che ti portano in giro gratis per Parigi

Parigi città fredda e inospitale? A volte è così, in effetti, ma non sempre. Per sfatare questa idea ben radicata nel cuore e nella mente di molti visitatori, un gruppo di volontari ha creato il programma dei Greeters – Parisien d’un jour. In pratica, si tratta di guide personalizzate, specializzate in aree della città fuori dai classici circuiti turistici, che ti accompagnano personalmente in giro per Parigi, raccontandoti aneddoti, storie e piccole curiosità: il tutto gratuitamente. Il servizio, che è disponibile in lingua francese e inglese, si deve prenotare con un paio di settimane di anticipo sul loro sito. Si prenota il tour, che dura circa un paio d’ore, e si visita la città, poi si pranza o si cena insieme: l’idea è infatti quella di favorire il dialogo e le interazioni con i locali, mentre si scopre un volto diverso della città. Da non perdere!

Parigini per un giorno - foto di Elisa Chisana Hoshi
Parigini per un giorno – foto di Elisa Chisana Hoshi

I ristoranti dove si mangia gratis

Sembra strano, ma è così! Alcuni ristoranti di Parigi offrono piatti gratuiti per accompagnare le bevande: in pratica si paga quel che si beve, ma non quel che si mangia! Questa stravagante formula funziona davvero: durante queste serate, infatti, i drink hanno prezzi normali e non maggiorati. Ne ho provati un paio, assaggiando il cous cous e le moules frites: atmosfera caotica ma festaiola, meglio arrivare un po’ sul presto.
Ecco i due ristoranti che ho provato:
1. La Cordonnerie, 142 rue Saint-Denis (2° arrondissement, zona Châtelet – Les Halles, Metro:Étienne Marcel). Un bar simpatico (pinta di birra a 3€), molto frequentato dai parigini. Couscous gratis il giovedì e il sabato.

2. Le Bouillon Belge, 6 rue Planchat (20° arrondissement, zona Nation, Metro: Avron) Bar con un bel palco che ospita anche concerti dal vivo: bevande a prezzi accessibili, piatto di cous cous oppure cozze con patatine.

Altri due ristoranti gratis da provare: Le Grenier, 152 rue Oberkampf (11° arrondissement, zona Père-Lachaise – Ménilmontant, Metro: Ménilmontant) e Le Tribal Café, 3 rue des Petites Écuries (10° arrondissement, zona Grands Boulevards, Metro: Château d’Eau).

Le Galeries Lafayette e Printemps: non solo shopping

Al 7° piano delle storiche Galeries Lafayette, ogni venerdì dalle ore 15 in poi, si tengono sfilate gratuite per presentare le novità di stagione: è necessario prenotare in anticipo, potete farlo a questo numero +33 0142 823025, oppure alla mail: fashionshow@galerieslafayette.com. Già che ci siete, salite sulla splendida terrazza delle Galeries Lafayettes: c’è un panorama fantastico (e anche un chiosco che fa dell’ottimo caffè, non il classico annacquato che abbiamo paura di trovare in Francia) e potrete sedervi sulle poltroncine colorate: un ottimo programma per un pomeriggio di sole, ma affascinante anche sotto la pioggia, a dire il vero.

Le Galeries Lafayette - foto di Elisa Chisana Hoshi
Le Galeries Lafayette – foto di Elisa Chisana Hoshi

Anche il centro commerciale Printemps, poco più avanti sul Boulevard de Haussman, è stupendo, e ha una terrazza panoramica bellissima. Occhio ai centri commerciali storici di Parigi, dunque!

Printemps - foto di Elisa Chisana Hoshi
Printemps – foto di Elisa Chisana Hoshi

Una passeggiata sopraelevata: la promenade plantée

Una passeggiata fiorita che attraversa il 12° arrondissement di Parigi: si cammina tra le case della città, immersi nel verde, lungo la promenade plantée, che si snoda per poco meno di 5 chilometri su un binario ferroviario dismesso nel 1969, tra Place de la Bastille e il Bois de Vincennes. Il luogo ideale per una passeggiata verdeggiante e sopraelevata!

Romantico e monumentale: il cimitero di Père Lachaise

Un capolavoro monumentale che non ha bisogno di presentazioni: il cimitero di Père Lachaise, straordinario, suggestivo ed enorme, è il più visitato al mondo. Procuratevi una cartina dal custode all’entrata ed esplorate i suoi viali verdeggianti e ombreggiati, dove riposano tra gli altri Oscar Wilde, Jim Morrison e Chopin, tra mille rose purpuree.

Pere Lachaise - Foto di Jack Torcello via Flickr
Pere Lachaise – Foto di Jack Torcello via Flickr

Ascoltare un concerto d'organo

Vi è mai capitato di entrare in una chiesa tra le note di un organo che suonava? È una sensazione magica, che ho da poco riscoperto qui a Parigi. Anche voi potrete sognare sulle note del gigantesco organo gotico della di Chiesa Saint-Eustache, dove ogni domenica, alle ore 17.30, si tengono concerti d’organo gratuiti.

di Elisa Chisana Hoshi