Animali in Ucraina

Animali in Ucraina, come aiutare rifugi e associazioni che si prendono cura di loro

Anche gli animali hanno bisogno del nostro aiuto

Anche gli animali in Ucraina hanno bisogno di aiuto. Tanti pets e animali più grandi non hanno nessuno che si prenda cura di loro o proprietari che, mettendo a rischio la loro vita, decidono di non lasciarli indietro e fanno tutto il possibile per uscire dai confini del paese con cani e gatti al seguito. Come possiamo aiutare rifugi e associazioni a distanza per continuare a prendersi cura di chi non ha nessuno?

rifugi e associazioni
Fonte foto da Pixabay

L’emergenza in Ucraina riguarda anche rifugi, canili e associazioni che si occupano dei randagi. Mentre i civili sono in fuga, portando con sé anche i pets, tanti volontari hanno deciso di rimanere per non lasciare sole queste creature.

Il numero di randagi aumenta: cani e gatti scappano impauriti dalle bombe, alcuni rimangono senza famiglia, restando orfani. Le difficoltà per i volontari sono molte: alcune strutture sono irraggiungibili.

Mancano cibo e medicine. I negozi stanno chiudendo e non si ha modo di fare rifornimento da altre parti, perché le strade non sono sicure e il carburante inizia a scarseggiare un po’ ovunque nel paese.

Le strutture danneggiate non riescono a far fronte alle esigenze degli animali e i volontari chiedono aiuto.

Come aiutare gli animali in Ucraina sostenendo rifugi e associazioni
Fonte foto da Pixabay

Come aiutare gli animali in Ucraina sostenendo rifugi e associazioni

Per aiutare queste creature rivolgiamoci sempre a canali ufficiali e ad associazioni italiane o internazionali che operano sul luogo, anche inviando donazioni in denaro. Diffidiamo dai privati che fanno questo tipo di raccolte.

Animali in Ucraina
Fonte foto da Pixabay

Tra le associazioni che si sono già attivate a Kiev e in tutte le altre città ucraine colpite dalle bombe russe ricordiamo:

  • La LAV ha stanziato un fondo per aiutare i rifugi del paese e ha già comunicato che le famiglie possono entrare in UE anche senza i documenti dei pets al seguito.
  • La Lega Nazionale per la Difesa del Cane darà ospitalità ad animali rimasti soli che potranno poi essere dati in adozione. E ha già attivato punti di raccolta in tutta Italia.
  • Oipa è attiva già con molte associazioni e numerosi rifugi locali e invia continuamente cibo e generi di prima necessità: si può fare una donazione dal sito di Oipa Italia.
  • Enpa è in comunicazione costante con i volontari ucraini per richieste di intervento. Le sezioni locali sono quelle a cui rivolgersi per capire come aiutare.