Cucciolo con la testa in un barattolo

Continuava a scappare e aveva qualcosa di strano in testa. Non permetteva a nessuno di avvicinarsi: “L’ossigeno sarebbe finito presto, ma io…”

Il povero cucciolo randagio era rimasto con la testa incastrata in un barattolo, mentre cercava qualcosa da mangiare

Oggi vi raccontiamo la storia di un cucciolo, che ci dimostra quanto difficile e sofferente sia la vita dei cani randagi. Il cagnolino si è ritrovato da solo per le strade della sua città, incapace di badare a se stesso. Forse la sua famiglia lo ha abbandonato o forse la sua mamma lo ha rifiutato. Nessuno lo scoprirà mai, ma da quel momento era solamente un randagio che tutti evitavano e allontanavano.

Cucciolo con la testa in un barattolo
Credit: The Dodo – YouTube – Screenshot

Spinto dalla fame e dalla disperazione, un giorno il cucciolo ha iniziato a rovistare nella spazzatura e ha finito per rimanere incastrato con la testa in un barattolo di plastica. Per interi giorni, ha vagato per le strade della città in quello stato di impotenza, continuando a morire di fame.

Qualcuno ha provato ad avvicinarsi a lui, per aiutarlo. Ma dopo tutto quello che aveva affrontato nella vita e tutte quelle volte in cui era stato maltrattato, il cagnolino scappava via da loro, terrorizzato.

Cucciolo con la testa in un barattolo
Credit: The Dodo – YouTube – Screenshot

Alla fine, ha incrociato il cammino di una volontaria di nome Rozalie. Quando la donna lo ha visto in quelle condizioni, ha provato una stretta al cuore.

L’ossigeno nel barattolo sarebbe finito presto e io dovevo aiutarlo. Così ho chiamato altri miei colleghi, per la precisione altri 7 volontari. Non si fidava degli esseri umani e da sola non ce l’avrei mai fatta, ma con il loro aiuto sì.

Il salvataggio del cucciolo randagio

Credit video: The Dodo – YouTube

Dopo tanti tentativi, la squadra di volontari è riuscita a catturare il cucciolo spaventato e a portarlo da un veterinario.

Non appena lo abbiamo adagiato sul tavolo del veterinario, ha iniziato a tremare in modo incontrollabile. Aveva paura di ciò che gli avremmo fatto e non capiva che volevamo soltanto aiutarlo.

Cucciolo con la testa in un barattolo
Credit: The Dodo – YouTube – Screenshot

Il veterinario è riuscito a fare un buco sul barattolo, così da impedire che morisse soffocato. Ma riuscire a liberarlo completamente, era più complicato di quanto previsto. Il cucciolo continua ad agitarsi e la squadra medica doveva lavorare con strumenti affilati intorno al suo collo.

Dopo tanta pazienza e grazie al meraviglioso lavoro del team veterinario, alla fine il cagnolino è stato finalmente liberato.

Cagnolino malato e denutrito trovato per strada dai Carabinieri: rintracciato il proprietario. Ecco quanto ha dichiarato

Cagnolino malato e denutrito trovato per strada dai Carabinieri: rintracciato il proprietario. Ecco quanto ha dichiarato

Toad, la cagnolina con una bocca nell'orecchio

Toad, la cagnolina con una bocca nell'orecchio

ANCONA - Orrore in un allevamento, individuato un focolaio di Brucella canis: i Carabinieri lanciano l'allarme. Ecco cosa dovete fare

ANCONA - Orrore in un allevamento, individuato un focolaio di Brucella canis: i Carabinieri lanciano l'allarme. Ecco cosa dovete fare

Cagnolina chiusa in un rifugio, impara un commovente trucco per attirare l'attenzione delle persone: il video

Cagnolina chiusa in un rifugio, impara un commovente trucco per attirare l'attenzione delle persone: il video

"Non era davanti al cancello ad aspettarci. Lo abbiamo cercato e poi abbiamo fatto l'amara scoperta"

"Non era davanti al cancello ad aspettarci. Lo abbiamo cercato e poi abbiamo fatto l'amara scoperta"

Roma, scoppia la rabbia tra gli amanti degli animali: gatti murati nella loro tana

Roma, scoppia la rabbia tra gli amanti degli animali: gatti murati nella loro tana

"Rovistava nella spazzatura e aveva qualcosa in bocca. Sembrava morto. Poi mi sono avvicinato e..."

"Rovistava nella spazzatura e aveva qualcosa in bocca. Sembrava morto. Poi mi sono avvicinato e..."