Il salvataggio dei tre maiali: Katniss, Rue e Prim

Katniss, Rue e Prim, tre maiali con un brutto passato

Home > Animali > Il salvataggio dei tre maiali: Katniss, Rue e Prim

Questa storia è stata condivisa da alcuni volontari che hanno voluto mostrare al mondo la vita dei maiali e un salvataggio che ha scaldato i loro cuori. Uno dei ragazzi, Todd Friedman, ha dichiarato: “tre di questi animali, Katniss, Rue e Prim, oggi vivono nel nostro santuario, l’Arthur’s Acres Animal Sanctuary. Sono  molto felici e la cosa ci ha sorpreso, visto il trauma del loro passato.

Quando li abbiamo trovati, erano sull’orlo della morte, abituati alla fame. Erano magrissimi e completamente spaventati. Se ne stavano, costretti, in una piccola stalla piena di fango, che li stava quasi affogando. Fortunatamente, un vicino del proprietario di quel luogo da incubo, si è accorto delle tragiche condizioni di quei maiali e ci ha avvertito. Quando siamo arrivati, quell’uomo ci ha assicurato che lui si prendeva costantemente cura dei suoi maiali, ma dopo le nostre indagini, si è ritrovato costretto ad ammettere le sue colpe e a consegnarceli. Li abbiamo portati al santuario e sottoposti alle cure di cui avevano bisogno. Oggi ogni volta che mettiamo loro da mangiare, si avventano sul cibo, come se avessero paura che quello fosse il loro ultimo pasto. La cosa che più ci ha meravigliato, è stato il loro comportamento. Nonostante ciò che avevano passato, quei tre maiali non erano aggressivi, ne avevano paura di noi. Si sono fidati, si lasciavano accarezzare e coccolare proprio come un qualunque altro animale domestico! E con queste immagini voglio mostrare che anche animali come Katniss, Rue e Prim, hanno dei sentimenti. Voglio mostrarle soprattutto a chi è abituato a mangiare carne di maiale, convinto che le loro vite non valgano nulla.

Io sono il fondatore del santuario, che prende il nome dal primo maiale che ho salvato, Arthur. Eccolo qui di seguito:

Oggi la mia fattoria è un paradiso per tutti i maiali bisognosi e abusati, che noi salviamo con la nostra dura lotta.

Ho deciso che nel 2019, aprirò le porte al pubblico, per mostrare loro quanto questi animali siano meravigliosi e per sensibilizzarli quando li vedranno sulle loro tavole”, ha concluso Todd.

Leggete anche: Un posto particolare dove gli animali vanno a morire