Il salvataggio di Charlotte e Lucy

Charlotte e Lucy giacevano a terra in fin di vita, con il corpo ricoperto di ferite, provocate da un oggetto appuntito

Home > Animali > Il salvataggio di Charlotte e Lucy

Questa storia inizia con una chiamata allarmante ai volontari dell’associazione animalista Animal Aid Unlimited. Quella voce preoccupata, li informava di due cani randagi che giacevano a terra, senza forze, denutriti e in fin di vita. Era due femmine, Charlotte, che era troppo ferita per muoversi, aveva buchi profondi intorno alla sua gamba, e Lucy, che aveva il collo ferito e gonfio.

I volontari si sono subito recati sul posto, per verificare quanto gli era stato detto. Arrivati lì, la scena ha spezzato i loro cuori. Si sono subito mobilitati per caricare sul loro mezzo, le due povere cagnoline. Le ferite sui loro corpi, erano state fatte da un oggetto appuntito, qualcuno aveva deciso di sfogarsi su di loro, un probabile mostro dalla mente malata! I ragazzi le hanno trasportate, con urgenza immediata, alla clinica veterinaria più vicina, dove sono state sottoposte subito ad una cura antibiotica. Fortunatamente, grazie a queste costanti cure e all’amore dei volontari, che non le hanno lasciate solo un solo istante, giorno dopo giorno, ma anche grazie al supporto reciproco che si sono date, queste due amiche pelose si sono riprese in poco tempo e oggi stanno bene. Sono tornate ad una vita normale e si trovano nel rifugio dell’Animal Aid Unlimited. Non appena saranno dichiarate definitivamente pronte, i volontari si occuperanno di trovare loro una famiglia. Una cosa è sicura, non permetteranno di farle separare, hanno affrontato tutto insieme e il loro rapporto è importante e fondamentale fino al termine delle loro vite! Una separazione potrebbe comportare, in entrambe, delle conseguenze negative!

Di seguito, potete vedere il video della storia:

Riuscire a credere che a questo mondo, esistano davvero persone che riescano ad arrivare a tanto, ci rimane davvero difficile.

Purtroppo questa, è la maledetta realtà in cui viviamo!

Leggete anche: Il salvataggio del cucciolo di procione