La realtà dei cuccioli abbandonati

Il salvataggio dei cuccioli abbandonati, che in realtà non erano cani

Home > Animali > La realtà dei cuccioli abbandonati

Nel mondo, sentiamo spesso parlare di storie di abbandoni, che ci lasciano a bocca aperta. La gente, che è di una crudeltà incredibile, non riesce davvero a capire il dolore che i cuccioli provano, quando vengono lasciati da soli, al freddo, senza l’affetto degli esseri umani.

la-verità-sui-cuccioli-abbandonati

Oggi, proprio per questo motivo, abbiamo deciso di raccontarvi una storia, che ci ha lasciato a bocca aperta. Un uomo, chiamato Craig McGettrick, che lavora in Inghilterra nel campo delle pulizie, ha fatto una scoperta che gli ha spezzato il cuore. Era un giorno come un altro, per questo signore. Stava lavorando ad un giardino enorme, quando ad un certo punto, ha fatto una scoperta incredibile. L’uomo, ha sentito dei strani rumori, provenire da vicino dove stava pulendo. Così, ha deciso di avvicinarsi per indagare. Nel momento in cui però, si è avvicinato, ha scoperto che c’erano dei cuccioli abbandonati. Senza rifletterci, Craig ha pubblicato una foto su Facebook e poi ha portato i piccoli al rifugio di Freshfield Animal Rescue. Il post che il signore ha pubblicato però, ha suscitato molta attenzione ed è stato visto anche da Mark Hemmington, fondatore della National Fox Welfare Society, che ha fatto una scoperta sorprendente. In realtà, quelli non erano cuccioli di cane, ma di volpe. I volontari, infatti volevano far ricongiungere i piccoli con la madre e per questo motivo, hanno pensato di riportarli nel posto dove erano stati trovati.

la-verità-sui-cuccioli-abbandonati 1

Il ricongiungimento che tutti desideravano è avvenuto e la loro mamma, quando li ha visti uno alla volta, li ha portati via da li.

la-verità-sui-cuccioli-abbandonati 2

I ragazzi coinvolti in questa missione erano davvero felici, che i loro sforzi sono stati ripagati.

la-verità-sui-cuccioli-abbandonati 3

Noi non possiamo fare altro, che ringraziare questi volontari meravigliosi, per il lavoro che hanno fatto.

Fate conoscere questa storia ai vostri amici, condividete!

Se vi è piaciuta questa storia, potete leggere anche: Il salvataggio del cucciolo che in realtà sembrava un cane, ma non lo era