La storia del povero Bjarni

Bjarni è stato abbandonato dopo un incidente perché considerato troppo brutto dalla sua famiglia, ma il suo angelo custode lo aspettava dietro l'angolo...

Home > Animali > La storia del povero Bjarni

Il cane che vedete in queste immagini, si chiama Bjarni ed è stato adottato dalla sua famiglia, apparentemente brave ed amorevoli persone, quando era un cucciolo. Un giorno però, la sua vita è cambiata per sempre. Come ogni giorno, è uscito per fare i suoi bisogni, ma si è ritrovato coinvolto in un incidente terribile.

Un frenata, un lamento straziante e il suo povero corpicino giaceva a terra, privo di sensi. La sua famiglia si è precipitata in suo soccorso e lo hanno portato subito alla clinica veterinaria, dove il team medico, si è  mobilitato per cercare di salvargli la vita. Il conducente dell’automobile che l’ha investito, si è preso carico, di sua iniziativa, di ogni spesa medica ed è anche grazie a lui che oggi Bjarni sta bene. Quell’incidente, però, aveva lasciato dei segni indelebili sul suo corpo. Il suo volto era sfigurato gli mancava una parte del naso e della bocca. Dopo le sue dimissioni, questo povero cane, è tornato dalla sua famiglia, che avrebbe dovuto continuare a prendersi cura di lui. Bjarni era sempre lo stesso, aveva soltanto bisogno di un piccolo aiuto per mangiare e per bere. Era impegnativo e inguardabile, così hanno pensato bene che abbandonarlo per strada, fosse la soluzione più facile. Aveva appena rischiato la vita e vissuto una delle esperienze più brutte della vita e adesso? Adesso si era ritrovato in strada, spaventato, solo, confuso… adesso era un randagio. Per fortuna, in questi casi, il bene trionfa sempre sul male! Qualche giorno dopo, fu trovato da un ufficiale che lavorava come volontario all’interno di un rifugio della città.

L’uomo, intenerito, lo portò nella struttura e gli diede da mangiare. La prima cosa di cui si accorse, fu la sua educazione, quello non poteva essere un randagio! Così decise di scoprire da dove venisse e se avesse una famiglia. La maggior parte degli abitanti, conosceva già la sua storia, quindi non fu difficile per l’uomo trovare quelle persone. Ma quando si presentò alla loro porta, questi gli dissero che non riuscivano più a guardarlo  ad amarlo come prima. Davanti quelle parole, incredulo, non tentò nemmeno di convincerli ulteriormente.

Tornò con il cane al rifugio e raccontò la sua storia sui social network. Nel giro di pochissimo tempo, persone da ogni parte del mondo, iniziarono a mandare donazioni a nome di Bjarni e grazie a questi soldi, il veterinario che lo prese in cura, chiamò il dott. Jason Balar, uno dei più famosi veterinari chirurgici. Questo riuscì a ricostruirgli una parte del naso, migliorandogli anche l’olfatto.

Il vero miracolo, è avvenuto dopo una settimana, quando una donna si è recata al rifugio, dichiarando di volerlo adottare!

“È un cane normalissimo e stupendo, vi assicuro che ha tanto amore da dare. La sua deformità non influisce in alcun modo, lui non se ne rende nemmeno conto e di certo non sarò io a farglielo pesare. Quando lo guardo non vedo il suo aspetto, ma la sua anima”, le sue parole oggi. 

Questa storia dovrebbe servizi di lezione! Condividete!

Leggete anche: La storia di Oogy, il cane da combattimento che è riuscito a trovare la felicità