La storia di Blaze, usato come posacenere

Usava il suo cane Blaze come un posacenere, spegnendo sulla sua povera testolina, i suoi sigari e le sue sigarette

Home > Animali > La storia di Blaze, usato come posacenere

La maggior parte delle persone non si rendono conto che gli animali sono molto più simili a noi, di quanto possiamo immaginare. Loro sentono e soffrono proprio come noi umani. Il protagonista di questa storia è Blaze, un adorabile cucciolo che è stato maltrattato dal suo proprietario. Quest’ultimo gli ha causato delle dolorose ustioni sulla testa, poiché lo usava come posacenere.

Blaze è un Jack Russell di quattro anni e adesso si ritrova con dei segni permanenti sulla sua povera testolina. Fortunatamente, della sua situazione, sono stati avvertiti, in forma anonima, i volontari di una nota associazione del posto, la  “Mid-Antrim Animal Sanctuary”. I ragazzi hanno prelevato Blaze e l’hanno subito portato al rifugio, dove lo hanno sottoposto alle cure necessarie. L’uomo con cui viveva, non ha nemmeno provato ad opporre resistenza. Nonostante la sofferenza subita, Blaze ha sempre mantenuto il suo entusiasmo per la vita. Le cicatrici sulla sua testa, sono visibili ad occhio nudo e sono la prova di numerosi sigari che quel mostro gli ha spento sulla testolina. In pochissimo tempo, Blaze è tornato in perfetta salute e ha riconquistato la fiducia negli esseri umani. Adesso aveva bisogno di una sola cosa, una famiglia amorevole e una casa vera in cui trascorrere il resto della sua vita. “È un cane divertente che ama le persone e vuole sempre attenzione”, ha dichiarato Shelagh Gormley, un assistente del santuario. Poco dopo Blaze è stato adottato da un brav’uomo, ma purtroppo, poi questo si è ammalato e si è ritrovato costretto a riportarlo indietro.

Solo una settimana dopo, un’altra famiglia si è presentata per lui, ma anche loro poco dopo lo hanno riportato al rifugio, dichiarando che la convivenza tra lui e il loro altro cane, un piccolo Terrier, era impossibile!

Oggi Blaze vive circondato dall’amore dei volontari, che hanno instaurato con lui un legame speciale e sta ancora aspettando una famiglia.

Noi ci auguriamo che presto possa trovarla. Vedrai Blaze, la fortuna gira! Quindi, buona fortuna!

Leggete anche: Il salvataggio del cucciolo che in realtà sembrava un cane, ma non lo era