La storia di Pacino, il pitbull con un destino già segnato

Era un pitbull malato e aggressivo, nessuno lo avrebbe adottato e le spese mediche erano elevate. E' così che Pacino è stato condannato

Home > Animali > La storia di Pacino, il pitbull con un destino già segnato

Il suo destino era già scritto, il povero Pacino non aveva altre opportunità. Questo pitbull è stato trovato nel 2013, in una casa abbandonata, con il corpo ricoperto da gravi ferite infette. Gli agenti della polizia, dopo un avvertimento anonimo, si sono recati all’abitazione per un sopralluogo e alla vista del povero animale, sono rimasti scioccati. Lo hanno preso e portato in una clinica veterinaria, per una valutazione.

Oltre al suo aspetto e alla sua malnutrizione, c’era una cosa in Pacino ancora più preoccupante. Il pitbull mostrava un comportamento piuttosto aggressivo, nei confronti degli esseri umani. Quando un cane viene etichettato pericoloso e in più non si trova in un ottimo stato di salute, la soluzione è sempre la stessa, l’eutanasia. Tanto, chi l’avrebbe adottato? Fortunatamente, in quella clinica c’era un angelo. Brittany Elder, guardando Pacino negli occhi, non riusciva a vedere proprio niente di cattivo. Lei sapeva che la sua era solo un’armatura per difendersi dalla vera bestia, quella che gli aveva provocato quelle ferite e che lo aveva maltrattato, per poi lasciarlo lì, incontro a una morte certa, l’essere umano! Gli operai addetti al controllo degli animali e il veterinario che curava Pacino, hanno dedotto che erano stato usato come “esca” per i combattimenti tra cani. Le cure di cui aveva bisogno, erano molto costose e questo era un altro motivo per procedere con l’eutanasia. Quando Brittany riuscì a rimanere sola con lui, provò ad abbracciarlo, come se volesse dirgli che le dispiaceva. Ed è stato proprio in quel momento che Pacino ha iniziato a leccarle il viso e le ha dimostrato che non era affatto un cane aggressivo.

La donna si è subito resa conto che doveva fare qualcosa per aiutarlo, così si è fatta carico di tutte le spese mediche delle sue cure e lo ha portato a casa con se.

Oggi, da quel giorno, sono passati ben cinque anni. Pacino ha una casa, sta bene ed è felice.

Stava per essere ucciso, ma un abbraccio gli ha salvato la vita!

Noi vogliamo solo dire grazie a Brittany, fatelo anche voi! Condividete!

Leggete anche: Otis, il pitbull iperprotettivo