La trasformazione di Dory

Dory, trovata in fin di vita a causa di una brutta frattura e riportata alla vita

L’Animal Aid, nota associazione di cui vi parliamo spesso, ha ricevuto una telefonata, con cui i volontari sono stati informati di un cane randagio che se ne stava rannicchiato, senza muoversi, da oltre due giorni. Era visibilmente affamato, stanco e si stava lasciando morire. Naturalmente, nel giro di pochi minuti, dopo la chiamata, i ragazzi si sono recati immediatamente sul posto, per verificare la situazione.

la-trasformazione-di-dory

 

Dory, così hanno deciso di battezzarla, poiché una femmina, è stata portata immediatamente ad una clinica veterinaria. Qui, il team si è subito mobilitato per stabilizzarla. Dopo i risultati degli esami, è risultato che la povera cagnolina aveva la mascella rotta, per questo soffriva così tanto. Non poteva ne mangiare, ne chiedere aiuto. C’è voluto molto tempo, ci sono volute molte cure e per farla mangiare tanta tanta pazienza. Ma oggi Dory è tornata ad essere un cane, grazie a questi meravigliosi angeli che non l’hanno lasciata da sola nemmeno per un secondo. Riesce a stare in piedi e soprattutto riesce a mangiare da sola! Pensate che queste persone, che hanno deciso di diventare volontari, si alzano al mattino solo per aiutare gli animali bisognosi, che siano randagi o che siano maltrattati dalle loro famiglie, senza pretendere nulla in cambio, nemmeno un centesimo. Lo fanno perché sanno che ne hanno bisogno e perché li fa sentire meglio, in pace con se stessi. Aiutare il prossimo, ci purifica l’anima, ci fa sentire persone migliori. Per cui, la prossima volta, davanti ad un randagio bisognoso, non proseguite, fermatevi.

la-trasformazione-di-dory1

Se personalmente non potete aiutarlo, fate una chiamata, quella non vi costa nulla!


Questi angeli esistono in tutto il mondo, verranno da voi, prenderanno il cane, lo cureranno e poi gli troveranno famiglia. Quel cane sarà felice grazie a voi!

la-trasformazione-di-dory1

Guardate la trasformazione di Dory:

Incredibile, non è vero?

Leggete anche:  Il salvataggio dei due cagnolini durante l’inondazione