La verità dell’abbandono di Fiocco di Neve alla scuola

La verità dietro l'abbandono di Fiocco di Neve

La storia che abbiamo deciso di raccontarvi oggi, è qualcosa di davvero straziante, che ci ha fatto venire le lacrime agli occhi, solo quando ne abbiamo sentito parlare. Il protagonista è un cagnolino che è stato chiamato Fiocco di Neve ed a raccontarla è proprio chi l’ha vissuta in propria persona. L’uomo ha detto:


“Sono un bidello di una scuola. Un giorno era a lavoro come sempre e sembrava una giornata proprio come le altre. Ad un certo punto, ho sentito bussare alla porta, credevo che fosse un ragazzino che si era scordato dei libri. Però, mentre mi avvicinavo alla porta, ho visto un bambino che correva via velocemente. Nel momento in cui ho aperto, alla fine, ho fatto una scoperta straziante. Il piccolo, aveva lasciato fuori una scatola, con dentro un cagnolino. Non riuscivo a credere ai miei occhi. E’ stato qualcosa di incredibile, che non avevo mai visto prima. Ho chiamato subito un’insegnate che è un’amante degli animali. La donna appena ha visto il cucciolo, ha deciso di portarlo a casa per la notte. Non poteva tenerlo più di quel periodo. La mattina seguente, la signora ha portato Fiocco di Neve al rifugio di Detroit Pit Crew Dog Rescue ed i volontari hanno subito accettato di prendersi cura di lui. Non era in pessima salute, anzi stava molto bene. Alla fine, infatti abbiamo capito che il ragazzino, dal biglietto che aveva scritto, l’aveva lasciato perché voleva trovare una famiglia migliore per lui. Ecco il video della sua storia di seguito:

ACQUISTA IN SCONTO IL GUANTO MAGICO!

Il bambino, insieme ai suoi genitori non aveva le possibilità economiche per crescerlo e per questo, voleva regalargli un futuro migliore.

Ora Fiocco di Neve è stato adottato ed ha degli amici umani che lo amano e che gli donano tutto l’amore e le cure che merita.

Non tutte le storie hanno un lieto fine così, ma siamo certi che il bambino sarà davvero felice per il cagnolino!”

Che storia incredibile, tutti dovrebbero conoscerla. Condividete con i vostri amici!

Se vi è piaciuta questa storia, potete leggere anche: Il triste abbandono di Cosmos