L’amicizia di Hedgie e Mason

"Non possiamo distrarci, una minima mancanza può portarlo al soffocamento"

Home > Animali > L’amicizia di Hedgie e Mason

Mason, era un ragazzo di quindici anni, che ha sempre amato gli animali. Proprio per questo motivo, il suo unico desiderio era quello di adottare un cane bisognoso. Lui e sua madre sono andati nel rifugio e nel momento in cui hanno visto Hedgie, hanno deciso di portarlo a casa.

Questo cucciolo, aveva pochi mesi, ma in quel poco tempo di vita, non aveva mai conosciuto l’amore e l’affetto. Quelli che dovevano essere i suoi amici umani, l’hanno sempre tenuto legato ad una corda, all’aperto. Mason, in quel momento ha deciso che avrebbe fatto di tutto per aiutarlo. Il primo giorno in cui Hedgie, è arrivato nella sua nuova abitazione, era molto impaurito ed è rimasto tutto il tempo sotto al tavolo, da solo. Il ragazzo, una volta arrivata la sera, ha deciso di portarlo al letto con lui e di aiutarlo ad aprirsi. Da quel preciso momento, i due, hanno instaurato un legame del tutto speciale, che ha lasciato tutti sorpresi. Pochi mesi dopo però, è accaduto l’impensabile. Hedgie, ha iniziato ad avere problemi a mangiare e a camminare. Per questo motivo, i suoi amici umani, hanno deciso di portarlo dal veterinario ed hanno scoperto qualcosa di orribile. La diagnosi del cucciolo era “megaesofago”, una condizione che rende impossibile anche solo mangiare. Molti medici, consigliano di sottoporre l’animale ad eutanasia. Mason, sapeva che questa per lui non era un’opzione e per questo, ha deciso di fare tutte le ricerche.

Poco dopo, infatti ha trovato una sedia, per aiutare Hedgie a mangiare e le sue condizioni con il passare del tempo sono migliorate.

Oggi, il cucciolo può fare tutto, con l’aiuto dei suoi amici umani e di quell’oggetto del tutto incredibile e soprattutto non rischia il soffocamento, mangiando così!

Noi non possiamo fare altro che far conoscere la sua storia, per rendere consapevoli tutti di quello che l’amore riesce a fare.

Condividete con i vostri amici!

Se vi è piaciuto questo articolo, potete leggere anche: La rara condizione di Starfish