Norberto è stato salvato dalla strada, ma adesso ha bisogno di cure

"vendo vestiti per pagare la mia chemio"

Home > Animali > Norberto è stato salvato dalla strada, ma adesso ha bisogno di cure

Il cagnolino protagonista di questa storia, si chiama Norberto ed era un randagio che lottava ogni giorno per la propria vita, prima di essere trovato da un veterinario. Quest’ultimo decise di aiutarlo, portandolo alla sua clinica. Il cagnolino aveva una brutta infezione al collo, che aveva bisogno di essere curata.

Noelia Tacacho, la proprietaria della clinica, ha deciso di occuparsi personalmente di Narberto, ma ha scoperto qualcosa di terribile. Dopo le dovute visite, guardando i risultati, la veterinaria ha scoperto che il cane ha un tumore venereo trasmissibile, che può essere curato solo con costose sessioni di chemioterapia. Un trattamento che purtroppo, la clinica non può permettersi. Così il team medico ha deciso di provare a chiedere aiuto a tutti gli amanti degli animali, raccontando la storia di Narberto sui social network. Hanno pubblicato sulla pagina, una foto del cagnolino, con un cartello al collo, su cui hanno scritto: “vendo vestiti per pagare la mia chemio”. L’immagine è diventata virale in solo due giorni, nessuno si sarebbe mai aspettato un tale numero di condivisioni. Centinaia di utenti si sono commossi e hanno espresso la propria disponibilità per aiutare Narberto, ma ci sono stati anche utenti scettici, che hanno visto il gesto della clinica, come una vendita promozionale. Noelia si è giustificata dichiarando che l’intento della vendita di quei prodotti, reperibili nella loro clinica, poiché si tratta di vestiario per gli amici a quattro zampe, è davvero quello di raccogliere i soldi per pagare le chemioterapia del cane.

Guardate il video di seguito:

Una cinica veterinaria non può scherzare su una cosa del genere e Noelia ha assicurato che mostrerà al mondo, ogni trattamento di Norberto.

Noi ci auguriamo soltanto che questo cagnolino possa farcela e possa, finalmente, trovare una casa.

Voi, cosa ne pensate?

Leggete anche: Il salvataggio di Leo