L'eutanasia di Sturn

Rabbia e dolore per la morte di Sturn, il cane ingiustamente soppresso

Sturn, il cane cieco e sordo di un rifugio in provincia di Como, adottato in Svizzera, è morto: quella donna lo ha sottoposto ad eutanasia

Rabbia e dolore per la morte di Sturn, il cane sordo e cieco, soppresso in modo ingiusto. In molti conoscevano la sua storia e avevano preso a cuore la sua situazione. Come raccontato dalle Guardie Ecozoofile Oipa, Sturn era ospite nel rifugio Amici del Randagio, in provincia di Como. I volontari per diverso tempo avevano diffuso la sua storia, con la speranza che qualcuno lo adottasse.

❗️❗️❗️COMUNICAZIONE❗️❗️❗️In merito alle numerose email e telefonate che stiamo ricevendo, teniamo a precisare che la…

Gepostet von Guardie Eco-Zoofile OIPA Como e Provincia am Mittwoch, 22. Juli 2020

Un giorno, una donna si fece avanti e decise di regalare a quel povero cane di 4 anni, una seconda possibilità di essere felice. Tra loro nacque subito un’intesa speciale. I volontari la conoscevano da tempo. Erano cinque anni che lavorava nella struttura in modo volontario e come educatrice.

L'eutanasia di Sturn

La nuova casa di Sturn si trovava a Canton Ticino, in Svizzera. Finalmente il cagnolone era uscito dal canile. Nella struttura aveva sempre potuto contare sull’amore dei suoi amici volontari ed era sempre stato felice, ma una casa vera, era tutta un’altra storia!

Nulla però andò come previsto e quella che sarebbe dovuta essere la fine di una fiaba, si trasformò presto in una tragedia.

L'eutanasia di Sturn

La morte di Sturn

Sturn è stato soppresso. Per chi non lo sa, l’eutanasia in Svizzera è legale anche sui cani sani. Il veterinario, ora contattato dalle associazioni e dallo stesso rifugio, ha raccontato la sua versione e di tutte le minacce che sta ricevendo. Ha perfino dovuto chiudere la pagina Facebook dello studio.

A suo dire, un donna si sarebbe presentata in lacrime, spiegandogli che la polizia, in modo intimidatorio, l’aveva costretta a sbarazzarsi del cane. Dava fastidio ai vicini, perché non smetteva di abbaiare. Il professionista si sarebbe giustificato, affermando di aver fatto prima i controlli sul microchip del cane, per assicurarsi che fosse davvero suo. Non poteva sapere che provenisse da un rifugio. Dopo aver anche verificato che fosse cieco e sordo e aver visto che non smetteva di abbaiare, avrebbe deciso di accontentare la donna.

L'eutanasia di Sturn

Quella donna che avrebbe dovuto prendersi cura di lui, quella donna che avrebbe potuto alzare il telefono e chiamare il rifugio. I volontari non avrebbero mai chiuso la porta in faccia a Sturn. Sarebbe tornato a vivere in un box, ma oggi sarebbe ancora vivo!

Avvisiamo tutti che tale S.P. residente in Svizzera, sedicente pseudo educatrice cinofilo, educatrice ed istruttrice…

Gepostet von Gli Amici Del Randagio am Mittwoch, 22. Juli 2020

La donna ha fatto uccidere il cane di nascosto da tutti. La vicenda ha scatenato rabbia sul web e le associazioni adesso stanno facendo di tutto per procedere per vie legali e far in modo che quella donna non adotti mai più un animale in tutta la sua vita.

Uomo riceve cibo avvelenato per i 25 cuccioli salvati

Uomo riceve cibo avvelenato per i 25 cuccioli salvati

Trova un amico nel canile e lo porta a casa

Trova un amico nel canile e lo porta a casa

È morta Joni, la cagnolina dell'attrice Mandy Moore

È morta Joni, la cagnolina dell'attrice Mandy Moore

Vicini salvano una mamma abbandonata con i cuccioli

Vicini salvano una mamma abbandonata con i cuccioli

Famiglia scappa dall'alluvione, cane bloccato sul tetto

Famiglia scappa dall'alluvione, cane bloccato sul tetto

Bandit, il cagnolino salvato da una volontaria di nome Velia

Bandit, il cagnolino salvato da una volontaria di nome Velia

Postino scatta una foto di un cane maltrattato legato a un albero dando al padrone una bella lezione

Postino scatta una foto di un cane maltrattato legato a un albero dando al padrone una bella lezione