Tracy, la boxerina sterile

Tracy la boxerina sterile doveva essere soppressa. Il suo proprietario lo ha chiesto al veterinario che ha preso una decisione inaspettata. Ecco cosa ha fatto.

Tracy, la boxerina sterile aveva le ore contate. Il suo proprietario aveva deciso che lei doveva morire. La sua unica colpa? Non poter fare cuccioli. Ma c’è di più. Noi vi vogliamo raccontare la storia di questa cagnolina sfortunata e invitarvi ad adottare i cani dei canili. Comprare cani venduti da allevatori senza scrupoli non fa altro che alimentare la sofferenza di animali come Tracy.

Il proprietario di Tracy era un allevatore abusivo. Aveva preso Tracy on line, rispondendo a un annuncio. Chi glil’ha data non si è preoccupato di verificare chi era e cosa faceva. L’uomo ha chiuso la boxerina in una gabbia e le ha fatto fare diverse cucciolate che poi ha venduto. Ma dopo circa 4 anni Tracy ha smesso di fare cuccioli. Il proprietario l’ha portata dal veterinario chiedendogli di fare qualcosa. Le sue parole sono state durissime: “Questa non fa più cuccioli. Puoi aggiustarla? Se non ci riesci sopprimila. A me i cani che non si riproducono non servono!” Dicendo questo se n’era andato, lasciano Tracy dal veterinario che aveva acconsentito a farle l’eutanasia. La storia di Tracy somiglia molto a quella di un altro cane, Yumenosuke, che era stato salvato a poche ore dall’eutanasia, diventando un cane da soccorso. Ma il medico non aveva l’intenzione di sopprimere Tracy. Aveva capito che la cucciola era diventata sterile per colpa della malnutrizione. Il veterinario l’ha affidata a un’associazione di volontari che l’hanno curata e poi data in adozione. La sua attuale mamma Dawn Karam, l’ha adottata tramite l’organizzazione Adopt A Boxer Rescue.

Una storia che, fortunatamente è finita bene per Tracy ma che per molti cani come lei non finisce mai bene.

I cani di razza come lei finiscono spesso nelle mani di allevatori senza scrupoli.

Per loro il benessere di un cane non conta. Tutto quello che conta e avere cuccioli da venedere e poco importa e per questo sfruttano i poveri animali fino allo sfinimento.

Tracy viveva rinchiusa in una piccola gabbia dove partoriva, allattava e poi si vedeva portar via a meno di un mese i suoi cuccioli.

Una vita infernale che, fortunatamente, adesso rimarrà solo un brutto sogno da dimenticare.