zampa del cane

Zampe del cane e asfalto caldo, come proteggere Fido

In estate le strade sono bollenti

In estate non solo l’aria si fa bollente, ma anche le nostre strade diventano roventi. Poco male per noi esseri umani che camminiamo con ciabatte e infradito ai piedi, ma come fare per proteggere le zampe del cane dall’asfalto caldo tipico di questa stagione che di anno in anno si fa sempre più afosa.

La zampa del cane

I cani hanno bisogno di passeggiare spesso, anche in estate. Ma talvolta i proprietari non tengono in considerazione che nelle giornate estive l’asfalto delle nostre strade può raggiungere temperature così alte da ustionare i cuscinetti delle zampe dei cani.

Se in estate spesso ci preoccupiamo di possibili colpi di calore nel cane, non dobbiamo nemmeno sottovalutare quanto l’asfalto e il suo calore possono causare danni alle zampe dei cani. Anche perché se fuori si arriva a 30 gradi, l’asfalto può raggiungere temperature che vanno dai 55 gradi in su. Nessuno camminerebbe mai su una strada bollente a piedi nudi.

Quando esci in passeggiata con Fido in estate, prova a toccare l’asfalto tenendo il palmo a terra per 7 secondi. Se la temperatura è alta per la nostra mano, allora forse è meglio prendere delle precauzioni per Fido.

zampa del cane
Fonte foto da Pixabay

Zampe del cane e asfalto caldo, rimedi per Fido

Come fare in estate?

  • Evita passeggiate durante le ore più calde della giornate e nelle prime ore serali.
  • Porta a passeggio Fido prima delle 10 del mattino e dopo le 20.
  • Cerca di camminare in zone ombreggiate, meglio se in parchi con erba e non su marciapiedi e strade di asfalto.
  • Rinfresca spesso il cane bagnandolo.
  • Applica creme protettive sui cuscinetti.
  • Adotta delle scarpe o dei calzini protettivi se proprio non ne puoi fare a meno.
  • Quanto torni a casa controlla le zampe del cane e lavale con acqua fresca.
  • Se ci sono già delle lesioni usa delle creme apposite.
cure veterinarie
Fonte foto da Pixabay

Nel dubbio, chiedi sempre consiglio al medico veterinario.