11 donne coraggiose che hanno cambiato il mondo. Le conosci?

11 donne che, grazie al loro coraggio, hanno contribuito all'emancipazione femminile.

Home > Attualità > 11 donne coraggiose che hanno cambiato il mondo. Le conosci?

Vari studi hanno dimostrato che le donne sono il vero sesso forte. Maturano più velocemente nel grembo materno, sono in grado di vivere più a lungo degli uomini in condizioni estreme (epidemie, carestie) e hanno un quoziente intellttivo più alto… E non si tratta solo di dati statistici. Ci sono dozzine di storie che possono ispirarci. Come queste

Kathrine Switzer è stata la prima donna ufficialmente registrata a concorrere nella celebre maratona di Boston. Un rappresentante degli organizzatori ha provato a fermarla.

Irina Rodnina è la pattinatrice di coppia di maggior successo: ha vinto 3 Olimpiadi e 10 Campionati del Mondo. Durante l’infanzia, ha avuto la polmonite per 11 volte.

Lella Lombardi è l’unica donna a conquistare punti nel Campionato del Mondo di Formula Uno.

Smaranda Brăescu è pionere dell’aviazione e del paracadutismo. È stata una delle prime donne al mondo a ottenere una patente di paracadutismo.

Laura Bassi fu la prima professoressa di una università e ufficialmente autorizzata a insegnare.

A Julie Creffield era stato detto che era troppo grassa per correre. Ora è una maratoneta, scrittrice e speaker motivazionale.

Sofia Kovalevskaya, una pioniera delle scienze della matematica, ha stipulato un matrimonio fittizio per andare all’estero e studiare in un’università.

Ruby Bridges è diventata la prima bambina afro-americana a frequentare una scuola completamente bianca.

Elizabeth Blackwell è stata la prima donna negli Stati Uniti a ricevere una laurea in medicina.

Nellie Bly finse di essere pazza per entrare in un ospedale psichiatrico femminile. Trascorse 10 giorni lì e scrisse un articolo sul trattamento disumano dei pazienti mentali. Viaggiò anche in tutto il mondo in 72 giorni.

Rosa Parks è stata un’attivista nel movimento per i diritti civili in America. È stata arrestata per non aver lasciato il suo posto a un passeggero bianco nella ‘sezione colorata’ dell’autobus.