11enne costretta a sporcarsi con il ciclo perché gli insegnanti non la fanno andare in bagno

Una povera ragazzina di 11 anni durante il ciclo doveva andare in bagno, ma gli insegnanti non glielo hanno permesso!

Home > Attualità > 11enne costretta a sporcarsi con il ciclo perché gli insegnanti non la fanno andare in bagno

Una ragazzina di 11 anni di Bristol è stata costretta a sporcarsi di sangue durante il ciclo mestruale mentre era a scuola. Nonostante le sue numerose richieste, infatti, non le è stato permesso di andare in bagno. A quell’età si tratta di una cosa davvero umiliante da superare. E infatti la studentessa della Cotham School è rimasta traumatizzata. Ora è terrorizzata di andare a scuola durante il suo ciclo mestruale.

La madre della ragazzina è sconvolta per il modo con cui è stata trattata la figlia, per il modo con cui è stata gestita la situazione.

studentessa della Cotham School

E teme che altre ragazze della scuola della figlia e di tutto il Regno Unito possano fare fatica a prendersi cura di se e della propria salute mentre sono a scuola.

ragazza 11 anni

La donna, che ha scelto di rimanere anonima per poter proteggere l’identità della figlia, a Bristol Live ha dichiarato: “Non dovrebbero far sentire le ragazze colpevoli perché ha bisogno di andare in bagno e risolvere le sue cure di base. Ora, ha paura di andare a scuola nel caso in cui non la lasceranno uscire dalla quale, non è quello che dovremmo insegnare alle ragazze“.

ragazza

Dovremmo permettere loro di fare in modo di dare loro gli strumenti per raggiungere i loro obiettivi, indipendentemente dal fatto che siano o meno durante il loro ciclo“.

scuola

Dopo il primo incidente di settembre, la ragazzina ha rifiutato di andare a scuola se era vicina al ciclo. È stato difficile per lei sopportare tutto quello che ha passato.

Quel giorno si è sporcata tutta, per fortuna aveva un maglione lungo che ha coperto la macchia ampia sui jeans azzurri. Pensate al disagio che ha provato nel rimanere così tutto il giorno a scuola!

Non potevo crederci, ho chiamato la scuola e mi sono lamentata e hanno detto che sarebbe andato tutto bene e non sarebbe successo di nuovo. Sembravano dispiaciuti che fosse successo, ma non mi hanno detto come avrebbero fatto a non farlo capitare di nuovo“.

Le promesse della scuola si sono rivelate vuote. È accaduto nuovamente, nessuno ha mai compreso le sue urgenze di andare in bagno.