14enne lancia un messaggio d’aiuto sui social poi si toglie la vita

Si chiamava Rochelle Pryor e solo una persona ha risposto al suo messaggio sui social media.

Home > Attualità > 14enne lancia un messaggio d’aiuto sui social poi si toglie la vita

Una quattordicenne aborigena (australiana autoctona) ha lanciato un grido di aiuto sui social media prima di togliersi la vita poche ore dopo.

14enne lancia un messaggio d'aiuto sui social poi si toglie la vita

Rochelle Pryor, di Perth, ha scritto: “Una volta che me ne sarò andata, il bullismo e il razzismo si fermeranno”. Soltanto un’amica le ha risposto e più tardi suo padre Geoffrey l’ha trovata svenuta nella sua camera da letto.

La studentessa è morta in ospedale nove giorni dopo, il 10 gennaio, diventando così la quinta ragazza aborigena a suicidarsi nelle ultime due settimane. Sua sorella Kyanne l’ha descritta come “dolce, allegra e divertente” ma ha svelato che Rochelle è stata vittima di bullismo.

“Era davvero sconvolta per questo”, ha detto Kyanne, 17 anni, come riportato dal Daily Mail.

14enne lancia un messaggio d'aiuto sui social poi si toglie la vita

Nell’agosto scorso, Rochelle è stata coinvolta in un alterco fuori dai cancelli della scuola ed è tornata a casa con tagli alle gambe. A sua madre la ragazzina disse che non voleva più andare a scuola e cominciò a risentirne la sua salute mentale.

Gli amici adesso rendono omaggio alla giovane che amava gli animali e sognava un giorno di andare all’università.

Una studentessa ha scritto su Instagram: “La mia vista è sfocata dalle mie lacrime… torna indietro per favore. L’ultimo giorno stavamo parlando di quale colore avresti voluto tingere i capelli e pensavi al blu o al viola. Se avessi saputo che era il tuo ultimo giorno, avrei fatto qualsiasi cosa per fermarti. Ti ripetevo: ‘Ci sono sempre qui per te'”.

La comunità aborigena australiana è stata di recente colpita da un’ondata di suicidi: ben tre negli ultimi tempi. Inoltre, un ragazzo di 12 anni è finito in ospedale a Brisbane dopo un tentativo di togliersi la vita.

14enne lancia un messaggio d'aiuto sui social poi si toglie la vita

Un membro del governo federale australiano, Gerry Georgatos, ha spiegato che la povertà è uno dei principali fattori di morte ma anche

L’avvocato indigeno Hannah McGlade, che ha fatto da consulente presse l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani a Ginevra, ha affermato che esiste un legame evidente tra violenza sessuale infantile, violenza familiare e l’alto numero di donne e ragazze indigene che si stanno togliendo la vita.

“L’anno scorso le Nazioni Unite hanno evidenziato il livello di violenza contro le donne e le ragazze indigene in Australia e hanno chiesto un piano d’azione nazionale specifico”, ha dichiarato la dott.ssa McGlade.

“Gli enti finanziati per fornire piani di prevenzione del suicidio non stanno affrontando adeguatamente il livello di violenza sessuale sofferto dalle donne”.