23 giorni dopo

Viveva in una capanna remota in Alaska. Un giorno la capanna prende fuoco e l'uomo resta completamente bloccato nel nulla con temperature glaciali. Ecco come lo hanno trovato 23 giorni dopo

Home > Attualità > 23 giorni dopo

Un uomo di 30 anni sopravvive miracolosamente a una pericolosa esperienza, dopo essere stato esposto senza alcuna protezione alle temperature glaciali dell’Alaska. Mentre molti si sono goduti il calore delle loro case, circondati dai loro parenti durante le tradizionali feste di Natale e capodanno, l’americano Tyson Steele ha vissuto un terribile incubo ghiacciato.

La sua capanna situata in una parte remota dell’Alaska, ha preso fuoco per caso e con lei non solo tutti i suoi beni e oggetti personali, ma anche il suo amato e fedele compagno. Il suo cucciolo di labrador era completamente privo di protezioni, e solo, di fronte alle temperature glaciali della zona.

“Non ho parole per questo dolore, si chiamava Phil ed era il miglior cane del mondo”, ha detto il sopravvissuto. Ero isterico. Non ho parole per descrivere il dolore, era solo un grido … Mi sentivo come se i miei polmoni fossero lacerati ”, ha ricordato Steele sul giorno dell’incendio. “Pensavo che se qualcuno fosse venuto a prendermi, sarebbe stato per via aerea.”

Tyson viveva in quella capanna dal settembre dello scorso anno, ma da dicembre la nebbia è diventata il suo unico tetto. Per 23 giorni, Steele si è nutrito delle poche scorte di cibo che è riuscito a salvare dall’incendio. I suoi amici e la sua famiglia erano preoccupati per l’impossibilità di contattarlo e decisero di avvisare la polizia.

Se non fosse stato per loro nessuno lo avrebbe mai trovato. Il luogo in cui si trovava la capanna era remoto e  completamente lontano da tutta la civiltà, quindi Tyson sapeva che la sua unica speranza poteva venire dal cielo. Di fronte a questa considerazione, l’uomo decise di scrivere l’acronimo di aiuto (SOS) sulla neve, in modo che qualcuno che volasse sul posto potesse vederlo.

La grande domanda che tutti si pongono è come sia riuscito a sopravvivere all’esperienza, e sembra che solo la sua ingegnosità e un grande miracolo lo abbiano aiutato a resistere alle temperature gelide.

“Ho calcolato che avevo due lattine di cibo al giorno per trenta giorni di razione. Avevo anche un barattolo di fagioli, due vasetti di burro di arachidi e un barattolo di maionese, ma non l’ho toccato “, ha detto Tyson alla polizia.

Le prime due notti l’uomo ha dormito in una grotta ma poi si è costruito un rifugio improvvisato dove poteva riposare con temperature fino a 26 ° C. Il segno di aiuto scavato tra la neve gli ha salvato la vita. Se non fosse stato per il segnale di aiuto,nonostante i parenti abbiano denunciato la scomparsa, avrebbe potuto perdere la vita.

Non sappiamo quanto tempo sarebbe servito ai soccorritori, e poteva essere troppo tardi. Sicuramente la sua astuzia, lungimiranza e quelle lettere disegnate tra cenere e neve, hanno permesso al salvataggio di avere successo.

Bigodino.it è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI