A soli 5 anni si ammala di coronavirus, la piccola skylar sembrava essersi ripresa

A soli 5 anni si ammala di coronavirus, la piccola skylar sembrava essersi ripresa per la gioia dei suoi genitori, ma poi è accaduto quello che nessuno si aspettava, una rara complicazione del virus

Era passato un mese da quando la piccola Skylar Herbert, 5 anni, si era lamentata di un mal di testa. Qualcosa che qualsiasi genitore potrebbe sottovalutare, ma purtroppo quel piccolo sintomo è stato solo l’inizio di una serie di eventi che hanno scatenato la sua sfortunata morte a causa del virus che non guarda età, razza o condizione, il Covid 19.

Skylar viveva con i suoi genitori, 2 professionisti che lavorano in prima linea nella battaglia contro il virus, a Detroit, Michigan (Stati Uniti)

Suo padre, Ebbie Herbert, fa il pompiere a Detroit da 18 anni, mentre sua madre, LaVondria, lavora come agente di polizia da 25 anni. Nessuno poteva prevedere che avrebbero salvato migliaia di vite, tranne quello della propria figlia.

 

La portarono dal dottore il 23 marzo. Aveva mal di gola, ed è stata rimandata a casa con degli antibiotici. La bambina non aveva sintomi se non un mal di testa e una leggera febbre, ma presto iniziò a peggiorare. “Ha pianto tutta la notte e mi ha detto che il dolore era lancinante e non passava”, ricorda la madre di 46 anni.

Quando hanno chiamato il dottore, ha insistito sul fatto che i farmaci impiegassero 48 ore per fare effetto, ma i genitori non potevano sopportare di vedere la loro bambina soffrire in questo modo, così l’hanno portata alle Emergenze, a Beaumont Royal Oak , il 29 marzo. Lì hanno confermato che aveva COVID-19 e che i sintomi che aveva erano correlati al virus. Ma giorni dopo è migliorata ed è stata dimessa.

Tuttavia, il 3 aprile, sono tornati in ospedale perché ora era il padre di Skylar ad accusare tosse e respiro corto. Ma improvvisamente, anche la bambina cominciò a lamentarsi di nuovo del dolore e iniziò a vomitare. L’hanno avvolta in una coperta, aveva la febbre a quasi 38 gradi, ha iniziato a tremare confusa, una scena che LaVondria non dimenticherà mai.

“Ho detto: ‘Skylar, guarda tuo padre, Skylar, guarda tuo padre!'” Ricorda Ebbie Herbert, 48 anni. “Le sussurrai all’orecchio e dissi: Skylar, alza la gamba. Pensa attentamente e mantieni la gamba dritta. E con il mio aiuto, lo ha fatto. Ma Skylar non riaprì mai più gli occhi “, aggiunge la madre.

Si precipitarono al pronto soccorso e furono immediatamente ricoverati in terapia intensiva, dove furono successivamente informati che Skylar aveva sviluppato un raro stato di meningoencefalite, una rara complicazione del coronavirus, che le aveva causato un’infiammazione del tessuto cerebrale e lesioni al lobo frontale.

“Hanno fatto un piccolo foro nella parte anteriore della sua testa e incorporato un tubo in modo che il liquido potesse essere drenato.” Il giorno successivo Skylar è stata collegata a un respiratore per 2 settimane, ma era giunto il momento della decisione più difficile.

“Oggi abbiamo deciso di scollegarla dal ventilatore perché non è più migliorata, i medici ci hanno detto che sono sicuri che il suo cervello è morto, e sostanzialmente sapiamo che non sarebbe tornata da noi”, ha detto LaVondria. La breve vita di Skylar si è spenta Domenica, non aveva patologie precedenti conosciute, e adesso i genitori piangono la morte della loro unica figlia.

“La perdita di un bambino, in qualsiasi momento, in qualsiasi circostanza, è una tragedia. Siamo distrutti dal fatto che il COVID-19 abbia tolto la vita a un bambino “, ha scritto un portavoce dell’ospedale in una nota.

Skylar è il prima bambina a morire di coronavirus nel Michigan, c’è anche il caso di una donna di 58 anni che soffriva di encefalite necrotizzante acuta ed era la prima volta che il virus era stato associato a un’infezione del sistema nervoso centrale, che colpisce generalmente i bambini.

I primi sintomi di Skylar non indicavano immediatamente che fosse stata infettata da COVID-19. Sia nella polizia che nei vigili del fuoco, dove lavorano, ci sono stati centinaia di impiegati in quarantena che sono risultati positivi al coronavirus.

Nel mezzo del dolore, non vogliono che nessun altro professionista in prima linea attraversi la tragedia della perdita di un bambino e si aggrappano al dolce ricordo della loro bambina.

Altri articoli che potrebbero interessarti dai siti del nostro Network:

Un uomo canta ai pazienti mentre li trasporta fuori dalla sala operatoria

Un uomo canta ai pazienti mentre li trasporta fuori dalla sala operatoria

Napoli, morte del piccolo Samuele Gargiulo: fermato un uomo, è accusato del suo omicidio

Napoli, morte del piccolo Samuele Gargiulo: fermato un uomo, è accusato del suo omicidio

Vicenza, scoperto il possibile movente dietro l'omicidio di Alessandra Zorzin: cosa è emerso

Vicenza, scoperto il possibile movente dietro l'omicidio di Alessandra Zorzin: cosa è emerso

Mamma 23enne di 11 figli ne vorrebbe altri

Mamma 23enne di 11 figli ne vorrebbe altri

Bambina nata con suo fratello dentro la sua pancia

Bambina nata con suo fratello dentro la sua pancia

Vicenza, le ultime parole di Alessandra Zorzin prima di essere uccisa

Vicenza, le ultime parole di Alessandra Zorzin prima di essere uccisa

Papà rimane deluso dopo la nascita di sua figlia e compie un gesto imperdonabile

Papà rimane deluso dopo la nascita di sua figlia e compie un gesto imperdonabile