Julie Powell

Addio a Julie Powell, la scrittrice del film Julie&Julia è morta

L'autrice è scomparsa improvvisamente a 49 anni

Il mondo della letteratura, dei blog e del cinema è in lutto per la scomparsa di Julie Powell. La scrittrice del film Julie&Julia a 30 anni aveva smesso di lavorare in un call center, stanca di quella professione. Sul suo blog, divenuto poi celebre, aveva raccontato la sua passione per la cucina, diventata poi un lungometraggio di grandissimo successo. Julie Powell aveva 49 anni.

Julie Powell

Julie Powell aveva 49 anni. A 30 aveva lasciato il lavoro in un call center, per tenere un diario sulla sua passione, la cucina. Si era prefissata un traguardo: cucinare ogni giorno un piatto diverso, preso da un vecchio libro di ricette del 1961, “Mastering the Art of French Cooking“, di Julia Child.

Julia Child era una famosa cuoca, scrittrice e personaggio televisivo degli anni Sessanta. La storia di Julie era diventata un libro, per preparare 524 ricette in 365 giorni. Poi era diventata un film, dal titolo Julie&Julia, con protagoniste Meryl Streep ed Amy Adams, scritto e diretto da Nora Ephron.

Julie Powell si è spenta lo scorso 26 ottobre a causa di un arresto cardiaco. Si trovava nella sua casa di Olivebridge, nello stato di New York. A dare la notizia il marito Eric, che l’aveva sempre sostenuta con il suo blog, aperto nel 2002 e diventato fonte di ispirazione per molti food influencer.

Dopo il primo libro, Julie&Julia, aveva anche pubblicato un altro libro, che aveva ottenuto altrettanto successo. Il titolo del secondo libro è “Cleaving: a Story of Marriage, Meat, and Obsession“.

Julie&Julia

Julie Powell, addio alla scrittrice che ha ispirato il film Julie&Julia

La scrittrice, nata Julie Foster, era nata il 20 aprile del 1973: aveva anche un fratello. Cresciuta ad Austin, in Texas, aveva preso una laurea all’Amherst College nel 1995, con specializzazione in teatro e in scrittura creativa.

Julie Foster

Julie aveva sposato Eric Powell nel 1998: la scrittrice lascia l’editore della rivista Archeology, con cui stava insieme da anni.