Addio piccola Arina

C’è ancora molta brava gente in questo mondo, grazie a Dio! Purtroppo però ci sono anche persone terribili e i peggiori sono quelli che fanno male ai bambini. Come si può maltrattare un essere innocente, tanto da causargli dolori inimmaginabili, e portarlo alla morte, un essere che non può difendersi né nuocere a nessuno.


Questa particolare storia di abuso si è verificata nel mese di luglio dello scorso anno. È la tragica storia di una famiglia in Slovenia. Non è l’ideale raccontare storie come questa, ma crediamo ancora che sia importante che vengano dette in modo che non succedano più. In modo da agire o indagare quando si hanno dubbi su una cosa simile. La foto sopra è quella di una bambina di nome Arina. Purtroppo, Arina non è più con noi. È stata trascurata dai servizi sociali, lasciando che sua madre e il suo ragazzo la maltrattassero così tanto da farle perdere la vita. Il padre biologico, Senad Kardasevic, amava moltissimo sua figlia, ma poco dopo il divorzio, la sua ex-moglie, Sanda Alibabic, iniziò a frequentare Mirzan Jakupi. Il padre iniziò a notare lividi sul corpo della sua bambina. Continuava a succedere spesso ma nessuno lo prendeva sul serio. Di volta in volta, il padre contattava i servizi sociali. Disse che era preoccupato e che non credeva che la sua bambina fosse in buone mani con sua madre e il suo ragazzo. I servizi sociali hanno fatto visita alla casa e hanno condotto interviste, ma a quanto pare non c’erano prove di abusi reali, ha riportato LifeBuzz .

Sarebbe stata l’occasione perfetta per salvare la vita di questa bambina. Nonostante gli sforzi di Senad, un giorno ha ricevuto una chiamata che nessun genitore vorrebbe mai ricevere. Secondo il Daily Mail, la madre di Arina chiamò l’ambulanza e disse che la ragazza aveva avuto un incidente con il termosifone e che si era ferita.

Risultò, tuttavia, che Arina stasse molto peggio di quanto chiunque avesse immaginato. La sua faccia era molto gonfia, aveva diverse ossa rotte e lividi orribili su tutto il corpo. Non c’era modo che un bambino potesse ridursi così solo andando a sbattere contro un termosifone. Alla fine, era chiaro cosa fosse successo, ma purtroppo era troppo tardi.

I medici hanno fatto quello che potevano, ma il danno era stato fatto. La bambina è morta dopo due giorni di lotta per la sua vita. Senad è rimasto sempre al suo fianco, baciandola e salutandola. L’immagine di lui che piange con sua figlia sul letto di morte, collegata a una macchina, ha toccato migliaia di persone non solo in Slovenia, ma in tutto il mondo.

Sanda e Mirzan sono stati arrestati e sono ancora in attesa di processo. Potrebbero affrontare fino a 15 anni di carcere, riferisce LifeBuzz . Dalla morte della piccola, Senad non ha mai smesso di chiedere giustizia per sua figlia. Il caso è andato a Anja Kopac Mrak, il ministro del lavoro, della famiglia, degli affari sociali e delle pari opportunità in Slovenia. Da allora è in corso un’indagine approfondita, secondo LifeBuzz. Nonostante questa tragedia, speriamo che possa aiutare a prevenire che bambini innocenti come lei ricevano abusi dai loro genitori in futuro.

L’abuso di minori è qualcosa che accade ancora in tutte le parti del mondo. È necessario porvi fine. Per favore aiutaci a condividere la tragica storia di Arina per far luce su questo importante problema. E soprattutto, se vedete qualcosa di strano, non voltatevi dall’altra parte.