Addio

Ed e Karen hanno avuto poco tempo per dire addio ai propri figli, la loro famiglia vuole soddisfare il loro ultimo desiderio per i loro 3 figli

A volte il destino ci sorprende con avversità che sembrano impossibili da affrontare, l’importante è non perdere mai la fede e combattere il più possibile per rimanere in piedi. L’amore, la fede e il sostegno dei nostri cari sono decisivi in ​​tempi difficili.

Questa coppia, composta da Ed e Karen Stewart, sono genitori di tre bambini e sono stati diagnosticati quasi contemporaneamente con il cancro. La notizia ha devastato l’intera famiglia, secondo la prognosi dei medici, a entrambi rimaneva solo un paio di mesi di vita. Ai coniugi è stato diagnosticato due diversi tipi di cancro, ma entrambi allo stesso stadio: terminale. Ed e Karen hanno cercato di assaporare il tempo rimanente prima di lasciare i loro bambini piccoli. La storia di questa famiglia con il cancro è iniziata quando Karen, ha superato due volte un neuroblastoma; Ha avuto la prima diagnosi quando aveva 18 anni e ha avuto un’altra battaglia contro il cancro all’età di 34 anni, che è riuscita a superare. Ma dopo solo due anni, riapparve, lasciando Karen senza speranza. Suo marito, Ed, 42 anni, era stato diagnosticato a maggio con un cancro al pancreas. La coppia risiedeva a Dublino, capitale dell’Irlanda e uno degli obiettivi più importanti che avevano era motivare e consigliare gli altri genitori ad andare al medico direttamente se si ha qualche dolore o si sta male, non aspettare.  Volevano anche cercare di creare ricordi il più possibile con la propria famiglia, specialmente con i loro tre figli.

La coppia ha detto che quello che generava loro più ansia era il futuro dei loro tre figli, che sono Keeva, il più grande di 10 anni, Finn 8 anni e poi Erin 4 anni. Ma non sono soli in questo e, fortunatamente, hanno avuto un grande aiuto.

Diversi amici della coppia hanno lanciato una campagna per raccogliere fondi perché potssero godersi i loro ultimi mesi con i loro figli. Gli amici hanno pubblicato la campagna su GoFoundMe: L’obiettivo del denaro era di aiutare a raccogliere fondi in modo che Karen e Ed potessero creare più ricordi possibili con i loro tre bellissimi bambini “.

Le persone sono state ricettive in questa commovente e triste storia che avrebbe spezzato il cuore a chiunque, e incredibilmente con due mesi di raccolta e il superamento di 60.000 euro, hanno raggiunto un po ‘più della metà dell’obiettivo che è di 100.000 euro.

“Se senti dolori, vai a controllarti, specialmente se senti qualche pallina sottopelle. Potrebbe non essere nulla, ma potrebbe essere qualcosa. Non andare dal dottore quando è troppo tardi. Se hai un dolore, soprattutto se lo hai da settimane, dovresti cercare un aiuto medico. ” Siamo veramente commossi dalle loro parole. .

Purtroppo la fine è arrivata:
Su richiesta di GoFundMe hanno comunicato la triste notizia che tutti temevano:

“Con grande tristezza che comunicoche, purtroppo, Karen Stewart Nicholson è morto pacificamente a casa. Karen era circondata dai suoi figli e dalla sua incredibile famiglia. Karen può finalmente riposare in pace e unirsi aò suo meraviglioso marito, Ed, che è morto pochi mesi prima , erano una coppia straordinaria. Ho promesso a Karen all’inizio di settembre che avrei mantenuto questo fondo per i suoi figli ed è quello che intendo fare fino a quando non raggiungiamo l’obiettivo. Questi 3 bambini hanno perso entrambi i genitori in pochi mesi, cosa che molti di noi stanno ancora cercando di capire. Grazie sinceramente a tutti coloro che ci hanno sostenuto “.

Condividi questa notizia e aiuta la famiglia di questi 3 piccoli orfani a raggiungere il loro obiettivo! Pace ai suoi resti!

DPCM con regole più restrittive in arrivo: coprifuoco nazionale?

Autocertificazione in Campania per gli spostamenti: cosa c'è da sapere

Lombardia, necessaria autocertificazione per chi circola dalle 23 alle 5

La testimonianza di Daniele Mondello sul settimanale Giallo

Incidente a San Salvo Marina, Sara Amma Favia morta a 17 anni

Coronavirus: il comune di Arzano sarà zona rossa

Il killer di Lecce, Antonio De Marco vuole raccontare tutta la verità