Adidas e Puma, due grandi marche fondate da due fratelli che si odiavano.

Attraverso la storia dei marchi più famosi sui vari prodotti, ci sono state molte vicende interessanti, che vanno dalla creazione per errore, a conflitti fraterni impossibili da superare. Uno dei casi più particolari sui problemi familiari, che hanno portato anche alla divisione di un intero villaggio, riguarda l’impossibilità di due fratelli di far fronte alle loro differenze.

Adidas e Puma

CLICCA QUI X COMPRARE LA SPAZZOLA!




Tuttavia, a causa di questa situazione complicata, oggi è possibile godere di due grandi marche di capi di abbigliamento e articoli sportivi. Ci riferiamo ai famosi marchi “Adidas” e “Puma”, creati da un paio di abitanti della città di Herzogenaurach, nella regione bavarese della Germania. La particolarità degli eventi ruota naturalmente intorno alla parentela di entrambi gli individui, in quanto sono due fratelli di sangue, Rudolf e Adolf Dassler, quest’ultimo era meglio conosciuto come “Adi”. I fatti risalgono all’anno 1924, dopo la prima guerra mondiale, tempo in cui il loro paese natale era impantanato in una crisi, causata proprio dalla guerra appena finita. La situazione era urgente ed entrambi i giovani dovevano decidere cosa fare della loro vita, così decisero di cimentarsi nella produzione di calzature, dal momento che il padre lavorava in questa industria tedesca in crescita. Durante il loro inizio nel settore calzaturiero, Adi, il più giovane dei fratelli, dimostra di avere una personalità piuttosto introversa. Tuttavia, le loro idee sono così innovative da sembrare troppo stravaganti. Una delle idee che hanno rivoluzionato questa area è stata la progettazione e la creazione di una scarpa appositamente realizzata per la corsa. A quel tempo hanno lavorato insieme e hanno deciso di fondare la propria società, denominata Gebrüder Dassler Schuhfabrik.

Adidas e Puma

La cui traduzione in italiano sarebbe “Dassler Brothers fabbrica di scarpe”.
Pochi potrebbero immaginare che una tale unione stretta, poteva finire in uno dei conflitti familiari più noti nella storia dell’industria.

Adidas e Puma

Tuttavia, a causa della situazione precaria in cui il popolo tedesco si trovava in quel momento, a causa della sconfitta subita durante la prima guerra mondiale, lo scenario non era affatto incoraggiante. Gli abitanti erano molto più occupati a contrastare le grandi carenze che all’acquisto di scarpe sportive come quelle prodotte dalla fabbrica Dassler. Ma anche in tali circostanze la loro merce comincia a diventare popolare tra una cerchia abbastanza selezionata della società tedesca del tempo.

Adidas e Puma

Con l’ascesa al potere dei nazisti, l’economia della Germania ha registrato una notevole ripresa e lo sport diventa uno strumento di propaganda politica abbastanza forte. Per questo motivo, la produzione di scarpe sportive richiede molta forza, a vantaggio di Rudi e Adi. Inoltre, le Olimpiadi di Berlino del 1936 rappresentano una grande opportunità per il successo dei fratelli tedeschi. Purtroppo Jesse Owens, il grande vincitore dei giochi, ha utilizzato le scarpe con chiodi create dalla Dassler, che però non hanno giocato a suo favore.

Adidas y Puma

La fabbrica subì una grande perdita quando scoppiò la guerra nel 1939, perché la priorità ora non era la produzione di abbigliamento sportivo, ma la produzione di armi e tutto ciò che aveva scopi bellici e militari. Per questo motivo, l’azienda subì una radicale trasformazione e passò dall’essere una fabbrica di scarpe a un laboratorio di ricambi per armi. Mentre Rudi doveva arruolarsi per andare in guerra, Adi era a capo della compagnia. Questa situazione involontaria è stata la radice del conflitto che ha portato alla separazione dei fratelli.

Adidas e Puma

Una volta che la guerra fu finita, il seme dell’odio era già stato seminato tra i fratelli Dassler. Quando fu fatta la ripartizione dei territori recuperati dai vincitori, Adolf fu autorizzato a mantenere i diritti della compagnia. Tuttavia, Rudolf, che sosteneva che suo fratello lo aveva denunciato, rimase prigioniero degli americani. Una volta rilasciato tornò a Herzogenaurach, ma decise di non tornare a casa con la sua famiglia.

Adidas e Puma

Quando Rudi tornò nella sua città natale acquistò una proprietà parzialmente rovinata dagli attentati, ma decise di riprendere il suo vecchio lavoro nella fabbricazione di scarpe sportive. Per questo ha assunto molti dei suoi ex lavoratori che erano fedeli al suo ex capo e ha avviato congiuntamente la nuova fabbrica. Sebbene gli inizi non fossero i più produttivi, a poco a poco la ripresa economica della Germania ha beneficiato entrambi, oltre a ciò anche la loro esperienza ha giocato a loro favore.

Adidas e Puma

Durante i primi anni dopo la seconda guerra mondiale, entrambi i fratelli rimasero in inimicizia, senza parlarsi. Nell’anno 1948, Rudolf ha fondato il proprio studio, che ha nominato “Ruda” come tributo al suo nome completo (Rudolf Dassler). Tuttavia, in seguito ha deciso di modificarlo e lo ha rinominato come è ormai noto come uno dei grandi giganti dell’industria dell’abbigliamento sportivo, “Puma”. Suo fratello minore, Adolf,  nel 1949 ha fondato il proprio marchio, chiamato “Adidas”, che come il fratello allude al suo nome (Adi Dassler).

Adidas e Puma

Con un’economia molto più forte, il governo tedesco ha concesso ad Adi di rifornire la squadra della Germana durante la Coppa del Mondo FIFA in Svizzera nel 1954. Le innovative calzature con tacchetti che il visionario imprenditore fornì, portò la squadra al Grande Finale contro gli ungheresi, che erano i favoriti. Grazie a questa creazione, i tedeschi si sono comportati meglio in un campo fangoso e scivoloso.

Adidas y Puma

In quegli anni gli atleti dovevano pagare per le attrezzature del loro sport, scarpe, calze, ecc Tuttavia, il figlio di Adolf, in un atto di marketing intelligence, ha deciso di dare via le scarpe Adidas gratis, ha diversi atleti che avrebbero partecipato alla fiera olimpica che si sarebbe verificata a Melbourne nel 1956. Questo semplice ma abbastanza ben pensato atto, gli ha permesso di posizionarsi maggiormente all’interno del settore sport d’elite.

Alla fine degli anni ’60, entrambe le società erano già sotto la guida degli eredi dei loro fondatori. Poco prima della Coppa del Mondo in Messico nel 1970, i proprietari di entrambe le società decisero di stabilire un gentlemen’s agreement che consistesse nel non generare una guerra mediatica tra di loro. Tuttavia, Armin Dassler, figlio di Rudolf, e ora nuovo leader di Puma, ruppe il patto e andò a casa della grande stella brasiliana, Pele, che rappresentava il massimo in termini di immagine sportiva. Il giocatore doveva chiedere all’arbitro di interrompere l’inizio della partita perché doveva allacciarsi i lacci delle sue scarpe. Con questo atto, le telecamere si sarebbero concentrate per alcuni secondi sulle scarpe Puma della grande stella del calcio.

Adidas e Puma

Fu a causa di questo atto considerato da Horst Dassler, erede e nuovo direttore della Adidas, come tradimento per aver ignorato il patto che era stato stabilito tra entrambi i marchi. Barbara Smit, autrice di “Blood Brothers” racconta di come due aziende assunsero molti degli abitanti delle città che, fedeli ai loro datori di lavoro, presero il conflitto in modo personale. La stampa ha chiamato questo fenomeno “la città dei colli piegati” perché i suoi abitanti si voltavano a guardare la marca di scarpe utilizzata dall’altra persona, proprio prima di intraprendere una conversazione con lei.

Adidas y Puma

Le divergenze tra i grandi fondatori di questi grandi marchi sportivi, non sono mai state risolte. Anche dopo la morte di entrambi, nel decennio degli anni ’70, rimasero inconciliabili. Dopo la loro morte, entrambi i corpi furono sepolti nelle ali opposte all’interno dello stesso cimitero. In realtà, la rivalità è riemersa grazie al composto chimico utilizzato nei calzari di entrambe le ditte, è il poliuretano termoplastico, che secondo Adidas, è l’unica azienda che possiede i diritti per il suo uso. Questo nuovo conflitto mostra che spesso anche la morte non è in grado di porre fine ai problemi che sorgono tra i membri della stessa famiglia.